Ciocco 2015: le pagelle di Rallyssimo

È tempo di primi responsi e bilanci per addetti ai lavori e appassionati di rally che seguono con grande passione il CIR 2015, il campionato nazionale di rally più bello d’Europa e non solo.

Sulle strade delle Versilia si è corso il Ciocco e Valli del Serchio, da qualche anno a questa parte la gara di apertura del campionato italiano, e non sono mancate le sorprese. La più importante? Il podio sul quale non è salito nessuno dei protagonisti attesi che, in linea teorica, dovrebbero giocarsi la vittoria del titolo.

La seconda? la grande vittoria di Alessandro Perico nella prima gara del CIR 2015.

Rianalizziamo dunque la gara appena corsa attraverso le pagelle del Rally Il Ciocco e Valle del Serchio a cura della redazione di Rallyssimo:

Perico-Turati (Peugeot T16 R5) – Voto: 9

Il grande merito dell’equipaggio bergamasco è aver mantenuto un ottimo passo di gara speciale dopo speciale nella speranza di un errore da parte di Basso che puntualmente è arrivato nel secondo giorno di gara. Grande velocità e capacità di sopperire a problemi fisici dichiarati al termine della NoiTv 2.

Michelini-Perna (Citroen DS3 R5) a 35.5 – Voto 8

Il Ciocco era per l’equipaggio una gara di rodaggio per la loro DS3 R5 in vista della partecipazione al IRCup quindi l’intenzione non era quella di puntare al podio. Alla fine i distacchi non saranno così importanti e, grazie anche ad una penalità per Caldani per start anticipato, ne esce un Signor risultato

Caldani-Farnocchia (Ford Fiesta R5) a 45 – Voto 6

Il voto è una media tra l’ottima gara corsa e l’errore che gli è costato una seconda piazza che avrebbe meritato appieno per la capacità di spingere al momento giusto, portandosi a ridosso dei primi.

Andreucci- Andreussi (Peugeot T16 R5) a 2’25.8; – Voto: 7

Senza problemi ai problemi ai freni sopraggiunti alle terza speciale del primo giorno non ci sarebbe stata gara. La macchina c’è e anche il pilota è il solito “cannibale” capace di portare gli avversari all’errore con un passo martellante. Lo si era visto fin dalle prime speciali e una volta raggiunto il parco assistenza in cui si è sistemato questo anomalo blocco del pedale del freno.

Basso – Dotta (Ford Fiesta R5 Gas) Ritirato – Voto: 4

Da un pilota esperto come “Giando” un errore del genere a due speciali dalla fine non te lo aspetti. Nessun avversario per il campionato in gara, bisognava solo gestire ed una piccola distrazione costa punti importanti che potrebbero diventare grandi rimpianti sul finale di stagione. Peccato perché la conduzione di gara era stata ottimale e (polemiche a parte) la BRC a gas dimostra di esserci, almeno sull’asfalto.

Scandola – D’Amore (Skoda Fabia R5) Ritirato – Voto: 5

Il pilota veronese aveva impostato il Ciocco nel nome della prudenza e del desiderio di portare a casa punti e proprio nel momento in cui iniziava a prendere confidenza con l’asfalto toscano la sua Skoda Fabia lo ha tradito appiedandolo e costringendolo a dire addio al terzo gradino del podio. Tuttavia l’impressione è che qualcosa gli manchi sia a livello tecnico che a livello di grinta rispetto agli altri team che puntano al campionato ma, saranno le gare su terra a dire la verità.

E voi? Che voti date a questa prima prova del campionato italiano rally?

Dite la vostra nei commenti!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *