Rally Coppa Città di Lucca 2012... a giudizio 11 persone per il tragico incidente Catelani-Bertoneri

Non ci piace mai riportare queste tristi notizie che incombono sul mondo del rally, ma quando c’è da ricordare questi fatti di cronaca non possiamo tirarci indietro.
Torniamo al tragico incidente durante la Coppa Città di Lucca del 22 Luglio 2012 quando Valerio Catelani e Daniela Bertoneri, 37 e 34 anni, pilota e navigatore versiliesi morirono asfissiati e poi carbonizzati a bordo della loro Peugeot 207 S2000 dopo una curva a sinistra durante la tappa di Sant’Ilario di Brancoli, si ribaltarono completamente e rimasero incastrati in una sorta di conca naturale a bordo strada, la quale funse da trappola mortale. L’auto si incendiò e la coppia morì per asfissia da fumo, senza poter neppure tentare una disperata fuga. Poi le fiamme devastarono tutto. . Il gup Silvia Mugnaini ha messo sotto processo 11 dei 12 imputati per i quali il pm Elena Leone aveva chiesto di procedere: prima udienza l’11 febbraio prossimo davanti al giudice Stefano Billet.

Piloti, navigatori e addetti alla sicurezza dovranno rispondere all’ ipotesi di reato per omissione di soccorso aggravata al concorso in omicidio colposo. A giudizio per omissione di soccorso saranno Giuseppe Iacomini e Davide Cozzani in gara su una Subaru Impreza, poi Iacopo Giannecchini su Renault Clio e David Castiglioni su Clio. Avrebbero omesso di fermarsi e di prestare assistenza all’equipaggio incidentato, nonché di avvisare immediatamente la postazione radio.

Omicidio colposo per il responsabile della sicurezza, Mauro Scarpellini, ma anche i membri degli equipaggi apripista addetti alla supervisione del percorso: i lucchesi Luca Gelli, Massimo Simi, Luca Ciucci e Gianluca Simonetti, di Bruno Togni, Danilo Meazzini. Secondo l’accusa, omisero di segnalare l’abbattimento di un muretto da parte di un’auto in corsa, proprio nel punto dove avvenne il tragico incidente in cui ci lasciarno Catelani e Bertoneri. Per la Procura, la mancanza del muro fu anche elemento di errore da parte dell’equipaggio Catelani Bertoneri, che sbagliò quella maledetta curva in maniera fatale.

Il gup ha prosciolto Federico Mazzanti (navigatore di Gallicano) in quanto è riuscito a dimostrare di aver segnalato al pilota la vettura di Catelani e Bertoneri appena incendiata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *