Dal bivacco le parole del trio delle meraviglie: Loeb-Peterhansel-Despres

E’ ormai una lotta a due quella che si sta assistendo alla Dakar 2017. Ancora una volta, Peugeot monopolizza il podio di tappa con tutti e 3 i piloti in gara nel seguente ordine: Loeb, Peterhanse e Despres. Andiamo a sentirli al bivacco le loro impressioni dopo l’ennesima prova di spessore:

 

Come sempre andiamo a sentire i piloti nell’ordine di arrivo, cominciamo dunque con Sébastien LOEB vincitore di tappa e attuale capolista: 

Lunedì sera abbiamo dovuto lavorare un po’ a livello di meccanica al bivacco di Uyuni. Ho aiutato Daniel fin quasi alle 23 e poi sono andato a dormire. La prima speciale di ieri è andata bene. La vettura funzionava perfettamente. Le condizioni erano tutt’altro che ottimali, c’erano delle pozzanghere di 600 metri. All’inizio Stéphane era un po’ più veloce di noi nei tratti fuoripista. Poi, abbiamo preso un vantaggio sulla parte in pista. Volevamo aumentare il divario, ma a 80 km dal traguardo siamo stati sfortunati e abbiamo forato nell’attraversamento di un guado! C’era una pietra in fondo all’acqua. Abbiamo vinto comunque la speciale con un buon tempo e abbiamo preso il comando del rally. Faremo da apripista al via della prossima tappa, che ci sembra altrettanto difficile a livello di navigazione. Siamo sempre in gara, ed è ciò che conta! Con Stéphane è una lotta serrata: guida velocissimo e non fa errori. Complessivamente, adesso Daniel ha trovato i suoi punti di riferimento nella lettura delle note del roadbook, anche nei fuoripista. Per noi le cose vanno bene, ma non siamo al riparo da nessun inconveniente.

Proseguiamo con Stéphane PETERHANSEL, secondo di tappa e secondo nella genarale:

 

Per noi non è stata una giornata perfetta. Abbiamo forato abbastanza presto, all’incirca al km 120. Lì abbiamo perso tre minuti. In quel momento Sébastien ci ha superato e siamo rimasti dietro a lui, al limite consentito dalla sua polvere. Siamo comunque vicini. Il divario tra noi è di un po’ più di 3 minuti. Sono contento della prestazione, anche se gli abbiamo ceduto un po’ di tempo, perché comunque c’erano ben 300 km di stile WRC. Ne usciamo bene, sono contento di non essere molto lontano da lui. Abbiamo perso il 1° posto ma non siamo lontani e tutto è ancora possibile. Sébastien LOEB sa gestire la pressione e il primo posto. Quanto a noi, cercheremo di guidare più velocemente possibile sino alla fine. Ci troviamo raggruppati con le 3 Peugeot davanti: è meglio, in vista dei prossimi giorni. Mi spiace che la tappa Super Belen di oggi sia stata annullata, si presentava interessante per noi. Ci priva di una chance di fare la differenza rispetto a Sébastien.

Chiudiamo con Cyril DESPRES terzo in entrambe le classifiche:

La serata di lunedì è stata un po’ lunga. Avevamo un problema su un triangolo inferiore con un giunto uniball che aveva del gioco. Ho preferito cambiarlo. Io e David siamo andati a letto tardi, ma oggi stavamo bene. A un certo punto abbiamo combattuto contro l’aquaplaning in una enorme pozzanghera. La pressione dell’acqua ha fatto aprire la portiera di David, che si è fatto proprio una bella doccia! Nella seconda parte non abbiamo avuto particolari problemi, salvo il fatto che si trattava di una speciale tipo WRC, quindi non esattamente la nostra specialità! Siamo partiti 6 minuti dietro a Nani ROMA e siamo arrivati 4 minuti davanti a lui; siamo abbastanza contenti della nostra giornata

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *