Rallycross: la Mito nel campionato europeo con Tedak Racing!

Nei rally moderni è sempre più difficile vedere delle vetture costruite e preparate secondo progetti rivoluzionari e fantasiosi. Il discorso è un po’ diverso quando si parla di una disciplina dal nome simile ma dalle caratteristiche profondamente differenti: il rallycross.

In questa categoria, infatti, non è raro trovare un parterre di vetture ampio e molto variegato, come successo nella scorsa stagione del campionato del mondo: Audi S1, Volkswagen Polo, Ford Focus, Citroen DS3, Peugeot 208, Ford Fiesta, Seat Ibiza, Mini, Mitsubishi Mirage, Kia Rio. Tutte vetture che si sono sfidate a suon di sportellate nella classe Supercar WRX, un numero impensabile per una singola categoria nei rally.

Cosi’ come nei rally tradizionali, anche nel rallycross esistono delle categorie minori, una delle quali risulterà molto familiare a tutti gli appassionati: la Super 1600. Proprio in questo “raggruppamento” debutterà, nel campionato europeo rallycross, una nuova vettura nata da un progetto tutto italiano. La protagonista in questione è l’Alfa Romeo Mito gestita dalla Tedak Racing la quale schiererà due esemplari nella serie continentale. La scuderia italiana è l’unica del nostro Paese presente in pianta stabile nella categoria, tradizionalmente terra di conquiste dei team nordici e, dopo diverse stagioni corse con vetture Renault, la squadra capitanata da Andrea Carretti porterà in pista una vettura tricolore.

Proprio da un’idea del patron della Tedak, la Mito è stata scelta come l’arma per dimostrare la credibilità di un progetto che fa dell’italianità la sua principale caratteristica. La nuova belva da corsa verrà equipaggiata con un motore quattro cilindri di 1597cc derivato dal 1750 Turbo della Giulietta sul quale è stato svolto un lavoro imponente per la conversione da sovralimentato ad aspirato, tipologia richiesta dal regolamento S1600. Come racconta l’ingegnere Giovanni Delfino, le uniche parti originali rimaste sono il basamento e la testa mentre i vari componenti quali pistoni, bielle, valvole e albero motore sono nuovi permettendo al propulsore Alfa di raggiungere 250 ipotetici cavalli a 200 Nm di coppia.

Nonostante non ci sia ancora traccia di una partnership ufficiale con Alfa Romeo, le ambizioni per la nuova Mito sono di un certo livello in quanto, come affermato dal nuovo direttore sportivo della Tedak Daniele Pelliccioni, l’obiettivo è quello di fare del podio un piazzamento abitudinario senza nascondere il desiderio di puntare alla vittoria già in questo 2017. Da questo punto di vista, la palla passa ai due piloti che si metteranno al volante della vettura del Biscione, anch’essi tricolori. Stiamo parlando di Davide Medici, che torna insieme alla scuderia dopo un anno sabbatico, e Max Vercelli, campione italiano di KartCross. Per vedere all’opera la nuova Mito in veste racing bisognerà attendere il weekend del 21-23 aprile quando il campionato europeo rallycross prenderà il via in Portogallo. Per non farsi mancare nulla le vetture della Tedak correranno tutta la serie continentale composta da altri cinque appuntamenti.

Buona fortuna!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *