Intervista a Boscariol - Bottini: "Vi raccontiamo la nostra esperienza in Ungheria"

boscariol bottini

Abbiamo sempre tanta attenzione per i nostri equipaggi che decidono di tentare l’avventura all’estero e siamo sempre molto curiosi di capire com’è andata. Per questa occasione abbiamo raggiunto Simone e Laura dopo la loro avventura al Baranya Kupa 2017, in Ungheria. Una bella intervista doppia da cui sono venute fuori molte curiosità.

Com’è scaturita questa decisione di correre in Ungheria?

Boscariol: La decisione di partecipare a questa gara ungherese è stata presa essendo io iscritto al Mitropa Rally Cup. Avendo trovato qualche piccolo budget a stagione già iniziata ho saltato le trasferte austriache iniziali e, guardando il calendario, ho deciso di partecipare alle gare in cui potevo recuperare punti in campionato dove si presumeva la minore partecipazione degli avversari causa lunga trasferta.

Differenze tra le gare Italiane e ungheresi?

Boscariol:  Le differenze maggiori rispetto le gare italiani sono:
– in Primis i costi ( iscrizione ad una gara di 115 km in italia con la DS3 vai a spendere sopra i 900 euro, all’estero con 150 euro corri fino a 160 km di prove speciali
– Il calore del paese della gara, si riunisce in eventi e soprattutto le prove spettacolo in centro città come in questo caso, con lo stimolo delle ricognizioni particolari fatte a piedi
– la difficoltà delle prove speciali, velocissime rispetto alle nostre e molto rotte, vere prove toste che mettono alla frusta vettura ed equipaggio
– in queste gare si evidenzia la vera capacità del pilota nella stesura delle note, arrivando da lontano e seguendo sempre il radar per le ricognizioni per non perdersi, si riesce a fare solo i due passaggi per prova come nel mondiale, altro che in italia che si consumano le strade prima della gara 😀

Come ti sei trovata a navigare fuori casa? Avevi già esperienza all’estero? 

Bottini: È stata la mia prima volta così lontano…quindi tutta una novità… un miscuglio di emozioni indescrivibili, da una parte un po’ di ansia di non far bene, dall’altra la voglia di fare questa esperienza… inoltre ho imparato davvero molto, correre all estero ti insegna molte cose.

Cosa si prova a bordo di una DS3 R3T?

Bottini: La DS3 è una macchina incredibile, difficile da gestire e davvero cattiva ma simone è stato davvero bravo!!

Un nuovo equipaggio e giovane, com’è nata questa collaborazione? 

Boscariol: Un equipaggio giovane fa sempre bene in questo nostro sport. Io quando mancavano due settimane alla gara sono rimasto senza la mia navigatrice prescelta per il campionato causa impegni lavorativi / universitari. Al casentino io e la Laura ci siamo conosciuti per la prima volta partecipando alla gara entrambi iscritti con la scuderia La Superba di Paolo Benvenuti, che tra l’altro ringrazio per tutto quello che fa per noi piloti. In quella gara si è creato una simpatia/amicizia tra noi due che non siamo riusciti a dimenticare.
E quindi cercando ovunque un sostituto ne abbiamo parlato, sapendo principalmente della nostra distanza tra noi due, oltre che con le persone a noi care e vicine, e qui la disponibilità di prendere il via a questa emozionante avventura assieme. Lo scopo era di divertirsi principalmente partendo sfavoriti dalla non conoscenza della gara e del metodo di note / guida di entrambi per fidarsi a vicenda a velocità folli delle prove estere.

Bottini: La prima volta anche con Simo ma c’è stato un buon feeling e questo fa molto sia per il risultato che per il contorno! Abbiamo passato una settimana divertendoci come due bambini e facendoci mille risate, inoltre abbiamo fatto una bella gara, sono stata fortunata ad avere questa occasione e ringrazio Simone per aver scelto di condividere tutto ciò con me… quindi il mio commento post gara è che è sembrato tutto un sogno!

Vi aspettavate questi risultati?

Bottini: I risultati boh, non so cosa ci aspettassimo. Siamo arrivati su scritto e corretto e basta, scioccati dalla velocità delle ps e poi quando abbiamo visto i risultati eravamo stra soddisfatti anche perché in ps non è mancato lo spettacolo😂

Boscariol: Questo risultato era principalmente SPERATO e SOGNATO ogni giorno prima della gara. Ci siamo preparati entrami al massimo per cercare il miglior frutto del nuovo equipaggio ungherese.
La concorrenza è sempre tanta, la paura delle strade nuove questa volta aveva il sopravvento, prove cosi veloci nessuno le aveva mai fatte e anche tanto tanto rotte, dossi taglia e strade militari distrutte. Il venerdì prima dello start inizia la tensione, ultimi accorgimenti sulla vettura senza rivoluzionarla dalle gare precedenti. Si parte, prima prova l’auto non sta dritta in nessuna curva ma non si molla nulla. prova spettacolo stacchiamo un 6 tempo assoluto e primi di classe, ci guardiamo io e laura e decidiamo che è ora di fare sul serio. Terza prova speciale in notturna, attiviamo modalità occhi di falco ed esce uno strepitoso tempo da farci chiudere la giornata in 10 piazza assoluta e 2 di classe. Nel trasferimento al parco chiuso su di noi cade però il mondo addosso, l’auto inizia a fare un rumore al cambio e quindi iniziamo a parlare decidere come dei campioni sul proseguo della gara, ritirarsi o continuare rischiare di fare più danni?
ebbene si decidiamo di continuare, rischiare, la voglia di fare bene era troppa e le capacità c’erano e fu così la macchina ci porta fino al palco d’arrivo. Emozione Doppia Tripla o forse anche di più, occhi lucidi perché dopo una giornata di spettacolo per il pubblico e soprattutto una guida veloce e ritmata senza il minimo errore arriviamo con in mano il 12 posto assoluto 3 di classe RC3 e 6 assoluti di MitropaCup.

Se volete aggiungere qualcosa fate pure.

Bottini: Vorrei aggiungere un ringraziamento a tutti i ragazzi dell’assistenza ma in particolare anche alla mamma di Simone.

Boscariol: Il post gara è triste, i saluti gli allontanamenti dopo una settimana cosi bella e felice sono la cosa più triste, e forse questa volta è tutto più amplificato dalla molto distanza tra me e laura.Il resto basta vedere il POST facebook di Laura e parla da solo

Grazie Simone e Laura

Grazie a voi!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *