Wrc: Malcolm Wilson ottiene il supporto di Ford Performance

Grandi novità per il team inglese in vista del 2018

Ford
L’intricata situazione riguardante il team M-Sport ed un eventuale appoggio tecnico della Ford per la stagione 2018 è stato uno degli argomenti caldi di questi mesi del mondiale rally. Dopo diversi avvicendamenti negativi, che hanno anche inciso sulla indecisione sul rinnovo di Seb Ogier, Malcolm Wilson è però riuscito ad ottenere il supporto di Ford Performance dagli Stati Uniti.




I primi indizi erano tuttavia emersi in seguito alla permanenza del cinque volte iridato in carica alla corte di M-Sport, dopo i chiari segnali del pilota francese riguardanti la sua volontà di un appoggio della casa madre. Con la firma di Ogier per un’altra stagione, Malcolm Wilson ha dichiarato a Motorsport News i dettagli del suo accordo con Ford Performance, ovvero la stessa struttura che gestisce i programmi nelle corse GT della casa dell’ovale blu.

Ecco le parole di Wilson:

Sebastien ha messo subito in chiaro di volere il coinvolgimento di Ford, ed ovviamente anche io ero dello stesso avviso. Mi piacerebbe arrivare ai livelli di budget dei nostri avversari, ma in questo momento non accadrà. Ford Performance ha la sede negli Stati Uniti e lavoreremo a stretto contatto con loro, hanno le strutture per aiutarci come si deve. La cosa interessante è che avremo più supporto tecnico per tutta la stagione, cosa che ha certamente bisogno dei finanziamenti di Ford. Inoltre, la loro esperienza nelle corse in pista potrebbe esserci d’aiuto sotto l’aspetto aerodinamico. E da questo punto di vista, il loro appoggio sarà inestimabile.

Con queste premesse, tutti gli ingredienti per difendere i titoli conquistati in questa trionfale stagione sembrano esserci tutti. E se solo qualche settimana fa si parlava di una M-Sport probabilmente priva di Ogier e lasciata sola dai vertici Ford, alla vigilia dei test pre Monte Carlo 2018 le cose sembrano andare meglio delle più rosee previsioni per il team inglese.




Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *