Dakar, sesta tappa: Sainz DOMINA la tappa, ma Peterhansel gestisce e resiste

Il circus della gara Sudamericana entra in Bolivia, con questa tappa, che si è rivelata interlocutoria tra le difficoltà Peruviane e quelle Boliviane.

La 40° Edizione della Dakar è giunta alla fine della sua prima parte, che si è rivelata molto più difficile del previsto, con deserti quasi impraticabili e dune molto soffici che hanno costretto al ritiro molti equipaggi, tra i quali i vari Menzies, Loeb, Marrini, Spataro…

Sesta tappa, 313km di ps, e per la prima volta in questa Dakar non abbiamo visto dune.
Dove non ci sono dune, c’è rally, c’è il Matador: Lui a vincere la tappa, con 4’05 di vantaggio su Stephane Peterhansel, secondo (Peugeot 3008 DKR Maxi), mentre terzo si è classificato Nasser Al Attiyah (Toyota Hilux Overdrive), che ha disputato una tappa regolare senza incappare in grosse difficoltà, pagando 5’05 dal vincitore di tappa Spagnolo.
Buon quarto posto anche oggi per Giniel De Villiers, buona tappa alla fine per lui, che ha concluso a +4’31 con la sua Hilux Overdrive ufficiale.
A ridosso della top 5 un ottimo Mikko Hirvonen, che alterna tappe buonissime a disastri e minutate enormi, mentre nella giornata odierna sono stati solo  8’56 i minuti presi dal Finlandese e dalla sua Mini JCW Buggy.
Nessuna grossa sorpresa in classifica per questa tappa, forse la fin ora più semplice tra le sei disputate. Il nostro Eugenio Amos invece ha concluso al 16° posto perdendo circa mezz’ora dai primi e scivolando di tre posizioni nella classifica cumulativa di queste prime sei tappe, ora infatti si trova nono.

Nella classifica generale rimane in testa Peterhansel, con il 13volte vincitore del Raid più duro al mondo che comanda con 27’10 di vantaggio sul compagno di squadra Carlos Sainz, denotando il continuo del dominio Peugeot.
Terzo posto provvisorio per Bernhard Ten Brinke, alfiere Toyota, che staccato di 1h 20′ tiene appena dietro i suoi compagni di squadra Al-Attiyah (staccato di 1h 24′) e Giniel De Villiers (a +1h 35′).
Grande lotta invece per la sesta posizione, con Pryzgonski, Prokop, Al Quassimi ed Amos staccati tra loro di appena 5’30.

Per la giornata di domani è prevista la prima giornata di riposo di questa edizione, a La Paz, con i concorrenti ed i team che potranno ricaricare le batterie in vista della tappa Marathon prevista per il 13 Gennaio, che andrà da La Paz ad Uyuni, per un totale di 425km di speciale, da percorrere senza assistenza.

CLASSIFICA SESTA TAPPA DAKAR 2017 AREQUIPA-LA PAZ:

CLASSIFICA GENERALE DOPO SEI TAPPE:

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *