Fabrizio Andolfi Jr: "Un 2017 da incorniciare. Correre all'estero? Mi piacerebbe molto"

E’ stato uno dei piloti più giovani a mettersi in evidenza, raccogliendo ben due titoli al debutto con una nuova vettura ancora da sviluppare. Oggi sogna di ripetere una stagione del genere e di poter correre anche all’estero per mettersi in discussione e aggiungere esperienza al suo bagaglio già consistente. Allacciatevi le cinture molto strette e tenetevi forte: stiamo per riportarvi la bella chiacchierata effettuata con Fabrizio Andolfi Jr.

Fabrizio, qual è il bilancio del tuo 2017 appena concluso?

E’ stato per me un 2017 molto positivo dove mi sono divertito molto e ho potuto fare u ottimo lavoro con il team. Mi sono cimentato nel Trofeo Abarth 124 è sono riuscito a vincerlo addirittura con qualche gara d’anticipo. Inoltre è arrivato anche il titolo italiano RGT, quindi sono molto contento. Mi è stata data infine la possibilità di correre due rally con validità europea, Roma Capitale e Valais, comportandoci bene e ottenendo il secondo posto nella Coppa RGT. Davvero niente male insomma.

Il titolo RGT e la vittoria nel Trofeo 124 potrebbere essere una base su sui fondare la nuova stagione?

Credo proprio di si. Si tratta di due titoli comunque importanti e vorrei continuare a lavorare sullo sviluppo della macchina, in particolare assetto ed elettronica dove sono stati fatti passi molto significativi. Al momento non ho ancora un programma ben definito ma non disdegnerei per niente una seconda annata a bordo della Abarth 124.

Dopo la partecipazione al Valais, potremmo ancora vederti all’estero?

Non ti nascondo che mi piacerebbe molto. Avendo corso all’estero soltanto nel 2014 in Lettonia al Liepaja e appunto al Valais, mi piacerebbe incrementare la mia esperienza in gare internazionali.

Rumors ti danno al via dell’imminente rally di Monte Carlo al posto di Alex Fiorio sulla 124. Confermi o smentisci?

Smentisco categoricamente, non ho ricevuto nessuna chiamata. Ma se Alex volesse cedermi il posto lo accetterò ben volentieri (sorride, ndr). Scherzi a parte, avevo  intenzione di presentarmi al via ma a cusa di impegni di lavoro e mancanza di tempo non sono riuscito ad organizzare il tutto. Peccato perché sarebbe stata la ciliegina sulla torta.

Budget permettendo, cosa vorresti fare nel 2018?

L’obiettivo principale sarebbe continuare la collaborazione con Bernini e Abarth, ma se potessi correrei su una R5 nel mondiale. D’altronde, sognare non costa nulla.

Vedremo prima o poi un duello ad armi pari tra i fratelli Andolfi in una gara iridata?

Speriamo, sarebbe una sfida in famiglia bellissima e credo che prima o poi la faremo. Terra o asfalto? Mi sento più competitivo sull’asfalto ma sceglierei la terra perchè tale sfondo ti dà sensazioni bellissime. Sarebbe inoltre un gradino in più conquistato visto che non ho mai partecipato ad una tappa del campionato del mondo, ma al momento sono contento di quanto fatto ad oggi e posso solo ringraziare i miei sponsor, tra cui 958 Santero, e i miei navigatori che mi hanno supportato.

Grazie mille Fabrizio per averci dedicato il tuo tempo. Un in bocca al lupo per questo 2018, alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *