Fine dei "giochetti" in Power Stage: arriva la regola dalla FIA!

Dopo tanto dibattere è arrivata la federazione a colmare la lacuna del regolamento

La situazione rischiava di degenerare (o lo era già) e quindi la federazione dopo i casi di Ogier, Tanak e altri ha deciso di intervenire per evitare che i piloti con la classifica ormai compromessa pagassero ritardo al C.O. per godere di strada più pulita e migliori condizioni stradali. Naturalmente l’effetto della regola non si vedrà in Corsica dove si corre su asfalto.

Tra le motivazioni il massimo organo indica anche la sicurezza dei tifosi che, spesso, si riversano in strada al termine dell’ultima macchina della Power Stage.

Ecco il testo del comunicato ufficiale FIA tradotto:

A seguito di un voto elettronico da parte del World Motor Sport Council, i concorrenti che non avvieranno la Power Stage nell’ordine indicato non saranno ritenuti idonei ad ottenere punti nella Power Stage come da Articolo 5.3.2 del Regolamento Sportivo della FIA WRC.

Ciò avverrà con effetto immediato per motivi di sicurezza. L’emendamento contribuirà ad evitare il late check-in intenzionale che aumenta il divario tra i concorrenti, aiuta a minimizzare il movimento degli spettatori quando non circolano automobili e impedisce comportamenti volti a eludere l’ordine di partenza del Power Stage.

Fine dei giochi e delle polemiche quindi: chi non si presenta nell’ordine è fuori.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *