Erc: Lukyanuk piazza il bis alle Canarie

Secondo centro stagionale per il russo, dominatore sugli asfalti spagnoli

E’ stata una gara senza storia il Rally Islas Canarias edizione 218, valida come secondo appuntamento del campionato europeo. Alexey Lukyanuk ed Alexey Arnautov hanno conquistato una sonora vittoria, la seconda consecutiva dopo le Azzorre, in una gara dominata in lungo e in largo con dieci vittorie di speciale sulle quattordici in programma.

Gli alfieri della Russian Performance hanno condotto la loro Ford Fiesta R5 senza nessun errore, bissando il successo dello scorso anno sulle strade spagnole. Dopo le spettacolari speciali delle Azzorre, il pilota russo ha dimostrato di essere altamente competitivo anche sul fondo catramato riuscendo inoltre a prendere la prima fuga in campionato. Per tutti i suoi avversari non c’è stata praticamente storia, con il primo degli inseguitori, Nikolay Gryazin, staccato di 51″4. Il giovane russo può tuttavia festeggiare il successo in classe Under 28, ottenuto al volante della sua Skoda Fabia R5 gestita dalla Sport Racing Technologies. Dietro di lui ha completato il podio, sempre con una vettura ceca, il tedesco Fabian Kreim, staccato di un minuto e mezzo dalla vetta ma al suo primo podio assoluto nell’Erc.

Il tedesco ha preceduto il pilota di casa Jose Antonio Suarez, quarto assoluto e terzo di Under 28 al debutto con la Hyundai i20 R5. L’ex pilota Peugeot è stato protagonista di uno dei pochi duelli nelle posizioni di vertice, in seguito al quale ha avuto la meglio sul giovane Laurent Pellier, quinto ma a soli 1″5 dalla “medaglia di legno”. Il francese è stato protagonista di un buon esordio proprio con la 208 T16 R5 che nella scorsa stagione era nelle mani di Suarez.

Dopo aver monopolizzato il podio con una tripletta, la prima Fabia nelle posizioni di rincalzo è stata quella del polacco Grzegorz Grzyb, sesto e bravo a rimontare dopo una prima parte di gara non facile. E’ stato invece un calvario la gara del vice campione europeo 2017 Bruno Magalhaes, settimo ad oltre due minuti e venti e mai a suo agio con il setting della sua Skoda sulle strade di Las Palmas. Per il portoghese è un brutto colpo in chiave campionato dato che, dopo il secondo posto alle Azzorre, il suo principale rivale Lukyanuk ha allungato notevolmente grazie alla sua seconda vittoria in due gare.

A dir la verità, il pilota della Arc Sport può essere perfino contento di aver racimolato qualche punto, considerando la classifica alle sue spalle. Dopo essere finito ai margini della top ten, Magalhaes ha infatti preceduto il campione spagnolo Ivan Ares per soli due secondi, Miguel Fuster per 3″2 ed il norvegese Brynildsen per 4″8.

In classe ERC Under 27 successo per il portoghese Diogo Gago, ventitreesimo assoluto ed alla sua seconda affermazione consecutiva nella rispettiva classe con la Peugeot 208 R2. In ERC3 invece, a trionfare è stato il francese Florian Bernardi, diciannovesimo assoluto al volante della sua Renault Clio R3C. Per quanto riguarda l’ERC2, Tibor Erdi si è riscattato dopo il primo round stagionale cogliendo una vittoria di classe davanti a Remenikk per un duo tutto Mitsubishi. Sfortuna per il nostro Zelindo Melegari, che ha rotto il motore della sua Subaru Impreza nella penultima speciale quando era secondo.

Qui sotto la classifica assoluta del Rally Islas Canarias 2018:

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *