Rallycross Silverstone, Seb Loeb:"Grande battaglia e quarto podio consecutivo. Potevo però fare meglio!"

Ancora sul podio il campione francese che si conferma secondo nella classifica. Ecco le parole sue e di tutto il team

Arrivato 3° in finale, Sébastien Loeb ha portato la sua PEUGEOT 208 WRX sul podio per la quarta volta consecutiva in 4 gare, confermando la sua regolarità e la sua velocità dall’inizio della stagione del campionato del mondo FIA di Rallycross. A Silverstone, davanti a più di 30.000 spettatori, consolida il suo 2° posto nel Campionato Piloti.

Sébastien Loeb, vincitore del WRX in Belgio 2 settimane fa, è stato protagonista in un week-end inglese molto concreto. Dopo due secondi posti nelle manche di qualificazione ed una vittoria nella semifinale, il 9 volte Campione del Mondo WRC non ha allentato il ritmo nei 6 giri dell’ultima gara, nonostante una cattiva partenza che aggiunge ancor più valore al risultato finale. Ecco le parole del campionissimo al termine della gara:

Nella finale c’è stata una grande battaglia. Sono partito male perché c’era molto grip e il motore è quasi andato in stallo. Dunque mi sono ritrovato in sesta posizione; a quel
punto dovevo assolutamente superare. Fortunatamente, ho fatto il joker lap al momento giusto, il che mi ha aiutato a recuperare alcune posizioni. Era una buona strategia. In sintesi, ho disputato un’ottima finale a fronte di una pessima partenza! In 6 giri, non ci sono molte possibilità di rimontare se qualcosa va male. Sono molto
contento, è il nostro 4° podio consecutivo e sarebbe stato difficile fare meglio di così. Qui a Silverstone forse avremmo potuto ottenere un risultato ancora migliore, ma quello che è certo è che finora mi sono divertito molto ed è bello vedere tanti concorrenti competere in una lotta così serrata.

Seguono le parole del Direttore del team, Bruno Famin:

Siamo soddisfatti di questo nuovo podio ed è evidente che abbiamo la velocità. Le vetture sono competitive e i piloti hanno già realizzato concrete prestazioni, anche se
l’ultima giornata è stato un po’ complicata. Non ci lamentiamo del 3° posto ma, quando abbiamo la possibilità di vincere, è un po’ frustrante! Dobbiamo esaminare con attenzione le cause delle forature di cui sono stati vittima Timmy e Kevin ieri, e che hanno privato Timmy di un posto in finale. È un vero peccato, perché Timmy ha vinto
almeno una gara in ogni manche di qualificazione finora, il che dimostra la sua grande regolarità. Anche Kevin ha dato prova del suo talento e del suo potenziale, come aveva
già fatto in Belgio. Sébastien ha ottenuto ancora una volta un’ottima prestazione, complimenti a lui! I tre team in testa al campionato sono vicinissimi e la lotta è molto serrata.

Cotinuiamo con le dichiarazioni post-gara di Timmy Hansen:

Preferisco pensare alle cose positive che sono successe questo week-end anziché concentrarmi sugli eventi più negativi della giornata. Siamo stati velocissimi dall’inizio
alla fine e so che avevamo il potenziale per batterci per la vittoria. Penso che ci siano tutti gli ingredienti per raggiungere questo obiettivo, manca solo un po’ di fortuna!
Nella finale, c’è stato un problema sul cerchio e non potevamo fare nulla. Malgrado tutto, è stato un ottimo weekend di gara e il punto forte è stata la mia vittoria nella
manche di qualificazioni Q2, che dimostra bene ciò di cui siamo capaci. È normale per un pilota provare una forte delusione quando qualcosa va male, ma non sarà sempre
così. So che abbiamo una vettura molto prestazionale e vado più motivato che mai alla prossima gara a Hell, in Norvegia.

 

Chiudiamo con i commenti di Kevin Hansen:

Questo week-end ha segnato davvero una svolta per me. Abbiamo provato numerose regolazioni e ho scoperto alcune cose che saranno davvero utili in futuro. Grazie a tutto
questo e al buon lavoro del Team, sono riuscito ad accedere alla finale per la prima volta quest’anno – la quinta volta nella mia carriera. Ovviamente, il modo in cui sono
andate le cose oggi è un po’ strano. Nella semifinale c’è stato un grosso incidente tra altri concorrenti, la mia auto è stata colpita, il volante è rientrato violentemente e ho
sentito la spalla che mi faceva male, come fosse slogata. Questo però non mi ha distratto, perché in corsa siamo talmente concentrati che non abbiamo il tempo di fare attenzione a questo genere di cose. E poi ho sentito che la spalla rientrava a posto da sola. È un peccato avere avuto questa foratura al rientro dal salto nella finale. Nonostante tutto, per me è stato un ottimo week-end!

CLASSIFICA PROVVISORIA PILOTI – DOPO SILVERSTONE (ROUND 4/12)
1. Johan KRISTOFFERSSON / Volkswagen Polo R – 105 punti
2. Sébastien LOEB / PEUGEOT 208 WRX – 91 punti
3. Andreas BAKKERUD / Audi S1 – 83 punti
4. Mattias EKSTRÖM / Audi S1 – 80 punti
5. Petter SOLBERG / Volkswagen Polo R – 80 punti
6. Timmy HANSEN / PEUGEOT 208 WRX – 71 punti
7. Niclas GRÖNHOLM / Hyundai i20 – 52 punti
8. Kevin HANSEN / PEUGEOT 208 WRX – 41 punti
9. Janis BAUMANIS / Ford Fiesta – 35 punti
10. Timur TIMERZYANOV / Hyundai i20 – 34 punti

CLASSIFICA PROVVISORIA TEAM – DOPO SILVERSTONE (ROUND 4/12)
1. PSRX Volkswagen Sweden – 185 punti
2. EKS Audi Sport – 163 punti
3. Team PEUGEOT Total – 162 punti
4. GRX Taneco – 86 punti
5. Olsbergs MSE – 55 punti
6. GC Kompetition – 54 punti

Dopo Silverstone, il Campionato del Mondo FIA di Rallycross si dirigerà verso le porte dell’inferno, a Hell! La quinta manche della stagione è un appuntamento imperdibile del calendario. Si terrà il 9 e 10 giugno vicino Trondheim, sulla costa occidentale della Norvegia. Il circuito Lankebanen misura 1,019 chilometri ed è composto al 63% di asfalto e al 37% di terra, con sezioni ad alta velocità e curve spettacolari. Il joker lap è alla fine del primo rettilineo, il che rende rischiosa la fase di partenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *