IrCup, Rally del Taro: dominio assoluto di Luca Rossetti

Completano il podio "made in Skoda" Re-Florean e Campana Savignoni

Non solo campionato del mondo e Sardegna, in questo weekend è tornato in scena anche l’IrCup con la venticinquesima  edizione del Rally del Taro.

A Bedonia l’uomo da battere alla vigilia era ancora lui, e così è stato. Luca Rossetti, insieme alla fida Mori, tiene un passo di gara mostruoso e troppo veloce per tutti quanti, portandosi a casa la seconda vittoria stagionale a bordo della Skoda Fabia R5. Inutile sottolineare ancora una volta come un pilota del genere meriti palcoscenici ben più importanti.

Piazza d’onore per il duo della HK Racing composto da Alessandro Re e Fulvio Florean, davvero bravi in ogni circostanza  a rimanere a stretto contatto con la vetta della classifica. Il podio “tutto Skoda” viene completato dal corso Pierre Campana, un osso duro su ogni prova speciale e capace di impensierire un po’ tutti quanti.

Al quarto posto troviamo ancora una vettura di classe R5, la Peugeot 208 T16 di Marcello Razzini, anch’esso autore di una gara stratosferica e sempre più a suo agio sul leone rampante curato dalla MM Motorsport. Interessante osservare come nelle prime quattro posizioni finali ci siano quattro R5 a discapito delle più potenti Wrc.

Quinta piazza finale per la coppia nei rally e nella vita formata da Felice Re e Mara Bariani, a bordo della bellissima Ford Fiesta Wrc ’16 gestita da HK Racing, mentre sesto ecco Luca Ambrosoli su Citroen Ds3 Wrc. Settime e ottave rispettivamente la Skoda Fabia R5 di Marco Gianesini e la Fiesta R5 di Paolo Zanni, autori di una gara regolare. Concludono la top ten Luca Balbo (Fabia R5) e Valter Gentilini (Fiesta Wrc). Solo dodicesimo il debuttante Andrea Minchella, dopo un weekend davvero sfortunato e complicato ulteriormente da una penalità  di 1’30”.

Tra le due ruote motrici dominio assoluto di Rovatti – Catone a bordo della Renault Clio S1600, alla fine giunti tredicesimi assoluti. Prossimo appuntamento al Rally del Casentino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *