Wrc2: Citroen punta alla vittoria in Germania con le C3 R5

Il team francese è pronto per il round tedesco

Bentornato, asfalto. E’ un motto che molto probabilmente circolerà a piena voce nel quartier generale di Satory di Citroen, specialmente nel reparto dedicato al Wrc2.

Dopo il debutto ufficiale del progetto C3 R5, il team francese è pronto ad affrontare il prossimo appuntamento iridato, l’Adac Rallye Deutschland. Ovvero una delle due gare che si corrono interamente su asfalto, fondo sul quale in Corsica, il nuovo mezzo conquistò un podio al suo esordio. Facile quindi comprendere la fiducia riposta sul round tedesco, che per l’occasione tornerà a schierare tre equipaggi.

Stephane Lefebvre e Gabin Moreau saranno affiancati dal nostro Simone Tempestini e Sergio Itu, mentre una terza C3 sarà affidata a colui che finora ha ottenuto i migliori risultati, ovvero Yoann Bonato. Considerando la competitività inizialmente dimostrata sul catrame corso, l’obiettivo – anche se non dichiarato – è la vittoria di classe che, da quando la C3 è entrata a far parte della scena mondiale, è sempre stata appannaggio di una vettura con un marchio Skoda appiccicato sopra il cofano.

Altro aspetto favorevole alla compagine transalpina è il trascorso dei suoi piloti sulle strade della Mosella. Nonotante il tremendo crash del 2016 con la DS3 Wrc, la gara tedesca è una delle preferite di Stephane Lefebvre. Il francese ha infatti effettuato il suo debutto con una World Rally Car proprio su questi caratteristici asfalti, oltre a far suo il titolo Junior nel 2014. Un traguardo raggiunto anche da Tempestini, sempre in Germania, due stagioni or sono. Ecco quindi che la fiducia del team principal Pierre Budar è più che giustificata:

Pare si tratti di un’altra grande sfida, ma tutti hanno già dato prova di come se la cavano bene in queste condizioni, e hanno il potenziale per fare del loro meglio. I nostri equipaggi dovranno vedersela con un tipo di asfalto completamente diverso da quello del Tour de Corse. Quello di Germania possiamo considerarlo come tre rally in uno, con i vigneti al primo giorno, il catrame delle base militari nel successivo e i campi attraversati dalle altre ps.

Insomma, quella tedesca potrebbe davvero essere la trasferta della svolta per Citroen Racing, non solo per quanto riguarda il mondiale Wrc2. Anche nella classe regina, infatti, le C3 Wrc sono reduci da un podio inaspettato in Finlandia, e ora che si correrà sul fondo storicamente prediletto dalla vettura francese, le ambizioni per replicare (e perchè no, migliorare) questo risultato sono assai concrete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *