WRC Rally di Spagna, italiani: Brazzoli CAMPIONE DEL MONDO, bene oggi Andolfi e Tempestini

Dopo un emozionante gara ecco come sono andati i nostri portacolori

Nella giornata odierna è volto al termine anche il RACC Rally Espana, penultimo appuntamento del WRC 2018, laddove erano iscritti ben sei equipaggi tricolore, quasi tutti sopravvissuti alla tre giorni difficilissima di gara tra terra, asfalto e fango.

Nonostante le varie sfortune capitate ad Arengi, Andolfi e Tempestini, ed al ritiro di Covi all’ultimo giorno, infatti, ben cinque sono arrivati sul palco di arrivo di Salou ,in quella che ha rappresentato per molti l’ultima gara stagionale.

Fabio Andolfi e Simone Scattolin, a bordo della loro Skoda Fabia R5 di Motorsport Italia, hanno completato una terza giornata positiva, facendo dei buoni tempi e tanta esperienza in vista di un 2019 che li vedrà come probabili protagionsti del WRC2.
Addirittura quarto posto di WRC2 per loro nella PS17, ed alla fine dei conti un ottavo posto di classe, e diciannovesimo assoluto, non è assolutamente negativo, visto il grande tempo perso con il ritiro di venerdì.
Ora nel 2019 speriamo solo che Aci Team Italia confermi il suo programma, visto che le prospettive del giovane savonese sono davvero grandi.

 

Simone Tempestini e Sergiu Itu, a bordo della loro Citroen C3 R5, hanno terminato anch’essi questo Spagna, chiudendo così una stagione WRC2 assolutamente negativa, soprattutto a causa della sfortuna che gli ha attanagliati.
Un piccolo errore è stato, invece, in questo rally, a metterli fuori dai giochi, con una piccola uscita di strada nella giornata di sabato.
Oggi però sono tornati, ed hanno fatto altri km di esperienza con la nuova arma Double Chevron: In definitiva uno sfortunato decimo posto di WRC2, 22esimo assoluto, quando le possibilità sabato di fare TOP5 erano molto elevate, peccato.

Sempre tra le vetture di classe R5, i due sardi Fabrizio Arengi e Fabio Salis sono riusciti ad arrivare in fondo alla gara a bordo della loro Peugeot 208 R5, puntando soprattutto al divertimento che alla fine c’è stato, chiudendo in 21esima posizione di RC2 e 46esima assoluta.

Chi invece in questa gara ha impressionato di più è stato l’equipaggio Vieffecorse di Enrico Brazzoli e Luca Beltrame, i quali a bordo della loro Peugeot 208 R2B hanno vinto la classe ed il titolo assoluto WRC3, laureandosi campioni del mondo per la prima volta in carriera,
Una stagione incredibile, per loro, incominciata con una vittoria al Montecarlo, che complessivamente ha contato due vittorie, due secondi posti ed un quarto posto, che per il driver di Saluzzo classe ’65 sono valsi oro in ottica campionato.
All’interno della gara spagnola dovevano solo arrivare, e grazie al ritiro della vettura gemella del finnico Lario sono finiti primi di WRC3, quarti di RC4 e 34esimi assoluti.
Davvero complimenti ai due italiani che riportano un titolo in patria dopo quelli di WRC3 e Junior WRC conquistati nel 2016 da Simone Tempestini e Giovanni Bernacchini.

Sempre tra le RC4, è riuscito il biellese Paolo Ravaglione, navigato da Marco Demontis, a completare la gara iberica, prendendo man mano sempre più confidenza a bordo della loro Ford Fiesta R2T curata da Rally Sport Evolution, pur non puntando ai tempi ma piuttosto al divertimento.
Per loro alla fine è arrivato un dodicesimo posto di RC4, e 45esimo assoluto, colti senza alcun errore o rottura nel corso della gara.

Chi invece non è riuscito ad arrivare al termine di questa spettacolare gara è stato il pilota-avvocato Carlo Covi, navigato da Simone Angi, che purtroppo hanno avuto un incidente sulla PS16 quando occupavano la decima posizione di RC4.

Chiuso questo capitolo spagnolo, invece, ora il focus è sulla prossima gara di campionato, il Kennards Hire Rally Australia, in programma dal 15 al 18 Novembre 2018, laddove tra gli italiani troveremo Gianluca Linari e Nicola Arena, iscritti con il #34 a bordo della loro Subaru Impreza N14, mentre non è chiaro se i comunque iscritti Campioni del Mondo Enrico Brazzoli e Luca Beltrame prenderanno il via a bordo della loro Citroen DS3 R3T.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *