WRX Rallycross - Kristoffersson piglia tutto. Peugeot saluta la categoria.

Si è chiuso il campionato del mondo con il pilota della Polo senza rivali

Non ha lasciato neanche le briciole agli avversari, neppure per l’ultima gara e con il titolo già in tasca.  Johan Kristoffersson è dominatore incontrastato anche in Sudafrica nella gara che chiude la stagione del WRX Rallycross e che sancisce l’addio alla serie da parte di Peugeot. Ma andiamo per gradi.

Stagione praticamente perfetta per il campione iridato che ha portato a casa ben 11 appuntamenti su 12 del campionato. Un dominio assoluto da parte del pilota Monster Energy, anche nel circuito africano che vedeva uno spettacolare 60%-40% asfalto-terra, reso ancor più “piccante” dal fatto che i titoli fossero già assegnati e ci fosse più voglia di far divertire.

Maggiori recriminazioni per Sebastien Loeb che ci teneva a salutare Peugeot con una vittoria. Il campione alsaziano ha vinto la prima manche e si è presentato al secondo posto in semifinale, dietro Kristofferson. Semifinali incrociate, Kristoffersson, Volkswagen Polo R, si è imposto nella prima davanti ai fratelli Timmy e Kevin Hansen, Peugeot, mentre il compagno di Squadra Solberg ha vinto la seconda davanti a Loeb e Ekstrom, per una prima fila interamente occupata dai Piloti del Team PSRX VW Sweden Campione del Mondo, e la seconda con due delle tre Peugeot affiancate.

Finale senza storia con il campione del mondo subito in fuga e con un contatto tra Solberg e Timmy Hansen che li metteva subito fuori dai giochi. Grande prova per Mattias Ekstrom su Audi, autore del miglior tempo, del joker lap e che chiude secondo. Chiude il podio proprio Loeb, seguito da Kevin Hansen.

La stagione si chiude con un solo autentico dominatore. Nel 2019 il campionato ci saranno undici prove: l’inaugurazione del Campionato con il Rallycross new entry di Abu Dhabi e l’uscita dal circuito Mondiale dei Rallycross di Portogallo e Germania. I tempi non sono facili per la serie ma il promotore assicura che si andrà avanti.

Eccovi il video della finale:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *