Wrc, Citroen: adesso l'imperativo è vincere

Obiettivi chiari per il team di Pierre Budar in questo 2019

E’ tempo di premesse per il team Citroen Racing nel 2019. Dopo la presentazione delle vetture all’Autosport International di Birmingham, la compagine di Pierre Budar è infatti entrata ufficialmente nella stagione che si preannuncia come un crocevia imprescindibile per la casa francese. E proprio in Inghilterra sono stati svelati gli obiettivi stagionali del Double Chevron, nella persona che ormai da un anno è a capo di tutta la struttura.

Non che ci fossero molti dubbi a tal proposito, considerando la proporzione degli ingaggi e la ristrutturazione notevole di tutto il team. Sebastien Ogier è reduce da due titoli consecutivi con quella che veniva considerata, all’inizio della sua esperienza, la “cenerentola” del Circus. Una dimostrazione di forza difficilmente eguagliabile, se non col vincere con la terza casa diversa e portando al vertice una vettura che, al momento, di risultati importanti in termini di allori ne ha raggiunti ben pochi. Motivazione extra ai fini personali sarà poi fornita dal fatto che, dovesse vincere con la C3 Wrc, Ogier diventerebbe il primo pilota nella storia a vincere almeno tre mondiali con tre case differenti insieme a Kankkunen; un aspetto che in fase di trattativa ha deliziato e non poco il campione francese.

A lui si è aggiunto Esapekka Lappi, ex Toyota e giovane di belle speranze per l’imminente futuro. Nonostante parta come sorta di secondo ad Ogier, è lecito comunque attendersi una stagione di spessore per il finlandese, che di potenziale ne ha già dimostrato parecchio. E’ quello che si aspetta anche Pierre Budar, finalmente pronto a prendere il via per una nuova annata con i favori dei pronostici sicuramente ristabiliti rispetto all’anno passato:

Dobbiamo vincere, siamo qui per questo. Partiamo per la nuova stagione con questo obiettivo, e con i nostri equipaggi abbiamo tutti i motivi per crederlo. Vedremo se il progresso è stato valido, abbiamo avuto un anno per ricostruire la squadra, nuovi tecnici e nuovi piloti, perciò speriamo di poter fare il lavoro necessario per poter tornare a vincere. Per quanto riguarda la vettura abbiamo provveduto a delle modifiche rispetto alla versione 2018, soprattutto sulle sospensioni e la geometria degli ammortizzatori ma è e sarà un lavoro continuo per incrementare il miglioramento.

Nei test appena conclusi i due piloti hanno avuto modo di provare fin da subito le novità tecniche, dalle quali sono giunti delle conclusioni che hanno fatto non poco piacere a Budar. Sia Ogier che Lappi, entrambi reduci da esperienze con due vetture differenti, hanno infatti comunicato le stesse sensazioni ai tecnici, ed una medesima visione su quello da migliorare.

Che questo, oltre alle già riportate dichiarazioni positive dei due driver, sia già di buon auspicio per un grande 2019?

 

 

Commenti

  • Daniele

    non sarebbe il primo a vincere con tre case diverse. Kankkunen cè già riuscito….Peugeot Lancia e toyota se non ricordo male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *