Protagonisti silenziosi: il fondamentale ruolo dei ricognitori al Montecarlo 2019

Andiamo a scoprire chi saranno "gli angeli custodi" dei piloti

Il Monte Carlo è per tradizione uno dei rally più difficili dell’intero calendario per via delle tante variabili che gli equipaggi iscritti devono affrontare.

Il meteo instabile e le mille sfaccettature dell’asfalto sono le insidie maggiori e spesso interpretarle risulta difficile anche per i campioni più navigati. Ecco dunque che in queste condizioni il ruolo dei ricognitori è fondamentale. Passando più volte lungo le prove speciali a bordo dei propri muletti messi a disposizione dai team e poco prima del transito del primo concorrente, riescono a fornire ai diretti interessati notizie importanti sullo stato della strada in modo da suggerire eventuali correzioni nelle note e la scelta giusta delle gomme.

Nella gara monegasca le segnalazioni più frequenti saranno senza dubbio la presenza di ghiaccio e neve fresca, senza dimenticare il fango e lo sporco che si accumerà nelle zone limitrofe dei tagli. Un buon ricognitore (nella maggior parte dei casi un ex pilota, ndr) può rappresentare l’ago della bilancia, colui che può far recuperare posizioni in classifica e talvolta far vincere il rally al proprio assistito. E come la storia ci insegna, a Monte Carlo è materia ben nota!

Andiamo quindi a scoprire chi saranno alcuni “angeli custodi” dei piloti in questo lungo weekend.

Ogier – Ingrassia:     Simon Jean-Joseph – Jack Boyere

Lappi – Ferm:     Mikko Heikkila – Jan Lonegren

Neuville – Gilsouil:     Bruno Thiry – Julien Vial

Loeb – Elena:     Patrick Magaud – Isabelle Galmiche

Mikkelsen – Jaeger:     Bernt Collevod – C. Menkerud

Evans – Martin:     Gwyndaf Evans – Andrew Edwards

Suninen – Salminen:     Juuso Pikalisto – Jarmo Lehtinen

Tidemand – Floene:     Emil Bergvist – Roger Eilertsen

Meeke – Marshall:     Stephen Witford – Derek Brannigan

Latvala -Anttila:     Toni Gardemeister – Juho Hanninen

Tanak – Jarveoja:     Martin Kangur – Kuldar Sikk

Rovanpera – Halttunen:     Toni Gardemeister – Juho Hanninen

Raoux – Bellotto:     Camilli – Klinger 

Gino – Fappani :     Caldera – Pedro

Gamba – Arena:     Sottile – Morabito

Gasperetti – Ferrari:     Alberto Nocentini – Andrea Cecchi

Nucita Princiotto:     Nucita – Salvo

Pedro – Baldaccini:     Rossetti – Mori

Coti Zelati – Revello:     Falleri – Barsella

Marenco – Pieri:     Franco – Bodda

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *