Oliver Solberg ci ha preso gusto: seconda vittoria consecutiva con la Polo R5 al Rallijs Sarma

Altro successo per il giovane figlio d'arte nel secondo appuntamento del campionato lettone

Un inizio che migliore di così non poteva essere. Dovessimo sintetizzare questo primo scorcio di 2019 di Oliver Solberg, questa frase sarebbe indubbiamente la più adatta.

Il giovane figlio d’arte ha infatti conquistato un’altra vittoria in questo weekend al Rallijs Sarma, secondo appuntamento del campionato lettone ed estone, dopo quella ottenuta un paio di settimane fa nel round inaugurale al Rally Aluksne. Il suo bilancio stagionale recita dunque due vittorie su due, al debutto con la Volkswagen Polo R5, nonché vettura con cui ha esordito con le quattro motrici.

Nonostante l’en-plein di risultati, il Rallijs Sarma di Solberg non ha evidenziato una netta predominanza da parte sua, anzi. La prima parte di gara è stata infatti caratterizzata dal vero e proprio dominio di Nikolay Gryazin, in grado di mettere a segno quattro scratch nelle prime quattro speciali e costruendosi un gap di oltre quaranta secondi proprio sul diciassettenne norvegese. Il suo rally è stato però compromesso da un errore nella ps5, nella quale ha perso oltre tre minuti in seguito ad un’uscita contro uno snowbank. Un duro colpo per lui, che ha aperto la strada ad un Solberg sornione e bravo a non commettere errori sulle insidiose speciali lettone, che oltre alla neve ed al ghiaccio hanno presentato anche diversi tratti sterrati.

Complice i guai patiti praticamente fin da subito dall’altro “big” in gara, Valeriy Gorban, ad Oliver è bastato vincere una sola delle otto speciali per condurre fino in fondo con 1’22” di margine ai danni dell’estone Georg Gross e la sua Ford Fiesta Proto. Detto dell’errore di Gryazin, quest’ultimo ha inscenato una rimonta furibonda dall’ottava piazza fino all’ultimo gradino del podio, seppur a 1’51” di ritardo.

Chiudono la top five le Mitsubishi Lancer Evo del russo Rostilov e del lettone Blums. Qui sotto la classifica finale del Rallijs Sarma:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *