CURIOSITÀ

Spesso si parla di tecnicismi, potenza delle varie auto da rally. Più raramente ci si sofferma ad osservare semplicemente l’estetica. E invece anche l’occhio vuole la sua parte, come in tutte le cose. La livrea, insieme di colori, disegni, scritte, sponsor che contraddistinguono le vetture e sono sempre oggetto di grande dibattito tra gli appassionati. In questo articolo ho elencato quelle che più mi hanno fatto sognare negli anni e quelle che vediamo oggi. 

E’ un personaggio che ha dato molto al mondo dei rally e che ancora oggi, nonostante le difficoltà economiche che imperversano, ha una visione romanzata di tale sport, mandando avanti un team del tutto privato esclusivamente con le proprie forze e con la tenacia che soltanto un grande appassionato può avere. In due parole: Malcolm Wilson.

Ebbene sì, sono una ragazza appassionata di Rally. Fin da piccola mi son sempre piaciute le auto, la velocità, l’adrenalina, l’emozione che provi mentre ti sfrecciano a bordo strada è unica. Son cresciuta con l’Adriatico di fianco casa e non mi son persa una gara fin quando non è stato spostato a Cingoli. Per qualche anno avevo archiviato la questione Rally per vari motivi. Una sera del 2015 al ristorante dove lavoro venne a cena C. Federighi con suo padre. Un invito a seguirli in speciale, un nuovo incontro l’anno successivo e tutto riacceso come prima.

Da poco tempo a questa parte, possiamo godere di splendide riprese ravvicinate quando ci gustiamo una bella gara di rally direttamente da un canale mediatico. Queste splendide e spesso estreme riprese, che sarebbero impossibile con una normale telecamera, sono svolte dai mitici droni, precisamente del marchio DJI, azienda cinese, leader al mondo nella produzione di droni, che si è confermata partner tecnico del WRC anche quest’anno. Grazie alle sue splendide ed emozionanti immagini sta cambiando la storia.

La Dakar 2017 è finita quasi da una settimana e, oltre a tutti gli equipaggi giunti al traguardo, uno in particolare merita elogi ancora più pronunciati. Non per la posizione finale (una modesta trentaseiesima piazza) ma per i mezzi tecnici con cui ha condotto questa impresa.