Germagno, la temuta strettoia del Rubinetto - Luoghi di Rally

Prova importante e suggestiva quella percorsa nel Rally del Rubinetto

Non scopriamo di certo noi il fascino dell’Italia e dei suoi panorami. Quello che vogliamo da questa nuova rubrica “Luoghi di Rally” è farvi scoprire (o riscoprire) luoghi all’apparenza non troppo famosi ma che per i rally hanno un significato importante. Posti, vicoli, curve e passaggi in cui si sono scritte pagine importanti e in cui ancora oggi (talvolta) si corre e dove ogni giorno si continua a respirare rallismo, storia e passione.

Questa volta vogliamo farlo con una delle prove piú belle e piú affascinanti del Rallysmo piemontese e non solo.

Come tutti sappiamo la strettoia della prova speciale “Prelo” del Rally del Rubinetto é diventato un simbolo del Rallysmo italiano tanto da aver affascinato un sacco di fan, prova speciale che risiede nella Valle Strona, comunitá montana situata fra la Val d’Ossola e la Valsesia, una valle ricca di storia, di cultura ma soprattutto di paesaggi a dir poco mozzafiato.

Germagno: la storia

Germagno (Germagn in piemontese e in lombardo) è un comune di 191 abitanti della provincia del Verbano-Cusio-Ossola, in Piemonte.

Così la racconta Wikipedia:

Germagno ha fatto parte della Comunitá montana dello Strona e Basso Toce sino al 2010, la quale comprendeva 7 comuni dell’alto Cusio nell’area che si estende fino ad Omegna ai piedi del meraviglioso lago d’Orta, fino ad arrivare alla bassa Ossola e il fiume Toce. Successivamente, fu confluita nella comunitá montana Due Laghi, Mottarone e Val strona abolita poi nel 2012. Fa parte dell’Unione Montana della Valle strona e delle Quarne ed aderisce all’Ecomuseo del Lago d’Orta e Mottarone, un museo tradizionale con l’ottica di rappresentare le caratteristiche ambientali e culturali della zona.

 

Germagno, cuore della prove speciale

Germagno nei rally

La prova speciale è molto tortuosa, soprattutto nella prima parte del tracciato. Si parte dalla località Prelo, località strategica che richiama sempre un sacco di spettatori pronti ad incitare gli equipaggi.

Tracciato della p.s. “Prelo”, Rally del Rubinetto 2018

La caratteristica di questa stage è la difficoltà tecnica del tracciato, composta da tornanti, sali scendi, tratti veloci e lenti.

La prova speciale “Prelo” ha visto sfrecciare concorrenti del calibro di Simone Miele, Piero Longhi, Franco Uzzeni, Davide Caffoni e molti altri.

Nell’ultima edizione del Rally del Rubinetto la prova speciale ha dovuto subire delle rettifiche di tracciato poiche si sarebbe affrontata in concomitanza con una festa, di conseguenza la prova ha subito delle variazioni, tenendo la parte finale dopo la “strettoia” fino alla fine della vecchia “Prelo”.

Germagno raccontata da chi l’ha affrontata:

Abbiamo chiesto a Luca Bottarelli, giovane talento italiano che vanta anche trascorsi nel JWRC, di raccontarci questo tratto di strada così particolare e come si affronta quella strettoia così temuta dai piloti.

La prova “Prelo” mi è sempre piaciuta particolarmente, soprattutto la prima parte in cui si affronta una serie di tornanti in salita, molto stretti e particolarmente selettivi, davvero divertenti da affrontare. Essendo stretti, è importante il modo in cui vengono affrontati: perdere tempo eccessivo già in quei frangenti significa segnare un tempo alto a fine prova. Successivamente vi sono tratti molto veloci e costantemente in mezzo alla natura, che conducono finalmente al cuore della prova speciale.

La mitica “strettoia” è molto difficile da interpretare, poichè si contano davvero i millimetri fra la vettura e il muro. Finita la parte lenta della strettoia, ci si lancia verso la fine della prova speciale con questi lunghi rettilinei in discesa, molto veloci, porzione che a me piace notevolmente. Insomma, una bellissima prova che consiglio a tutti di andare a vedere a bordo strada.

Di seguito il Camera Car dell’equipaggio Bottarelli-D’Ambrosio al Rally del Rubinetto 2018.  L’urlo della Renault Clio S1600 è davvero entusiasmante! Allacciatevi le cinture:

Se hai qualche immagine, video o aneddoto legato alla “strettoia” segnalacelo nei commenti o sui social e saremo felici di integrare questo articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *