WRC - Sardegna - Ogier in vetta, Evans per la doppietta Toyota, Neuville ultimo uomo Hyundai

Il sabato capovolge i risultati di venerdì sera: Tanak e Sordo fuori, il pluricampione in testa con il gallese a ruota ed il belga unica pedina rimasta ad Alzenau

Come nei migliori romanzi d’avventura. Un capovolgimento di classifica inimmaginabile a ieri sera: le Hyundai in testa, Toyota costrette a rincorrere. E invece l’armata di Alzenau ha perso 3 su 4 equipaggi con il solo Neuville a resistere al terzo posto. Intanto i nipponici cercano la fuga con ‘solo’ una cinquantina di kilometri da percorrere.

Ogier ritrova la ‘testa’

Ad ogni appuntamento su sterrato lo scoramento del francese per dover aprire la strada è palese e non viene mai nascosto: succede così dai tempi di VW facendo guadagnare a Sebastien la nomea di ‘lamentoso‘. Il pluricampione, però, si fa trovare sempre pronto e riesce a massimizzare le giornate no e capitalizzare i ritiri e sventure altrui. La giornata di oggi ne è l’emblema: 5 scratch, 1 terzo e 2 secondi posti su 8 PS dimostrano che quando c’è da spingere il campione in carica non si tira di certo indietro. Ora la leadership gli da quasi 40″ di vantaggio sul compagno Evans ed 1 minuto su Neuville. Sarà vittoria ed allungo in campionato domani?

Evans insoddisfatto del ‘treno’

Il gallese scuote la testa: solo due acuti di speciali lo tengono a ruota del capitano anche se sul secondo posto del podio. Per l’inseguitore di Ogier in campionato non è ovviamente abbastanza, ammette qualche ‘cautela‘ di troppo in alcune prove e promette battaglia per la giornata finale. La Power Stage di Santa Teresa con annessi i suoi 5 punti fa gola a tutti e tre i piloti di testa, chi per consolidare, chi per risollevare un weekend, come per Thierry Neuville.

Neuville al limite ma confuso

Il belga al massimo piazza la sua i20 al secondo o terzo posto delle speciali: prova anche un set di ammortizzatori sviluppati per il Kenya ma la sensazione di essere al limite non accenna a migliorare. L’imperativo (oltre che finire la gara per il Costruttori) è anche per lui quello di riuscire a piazzare la ‘zampata‘ nella Power Stage e contenere i danni nel Piloti.

Copyright: Luca Barsali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *