Alla riscoperta di una grande Kit Car: Peugeot 106 Maxi

Una macchina che ha fatto la storia e che continua a farla nel cuore dei tifosi

Oggi vi voglio parlare di una vettura che conosciamo bene tutti, che abbiamo bene o male visto tutti nei rally anche nelle gare di coppa Italia o delle piccole città. Personalmente però di un modello in particolare (Maxi) non ne avevo mai vista una. Una macchina che ha tutti gli ingredienti necessari per essere una vettura di tutto rispetto e soprattutto una grande “urlatrice”. Faccio subito una premessa col dire che la 106 di serie è stata utilizzata nelle sue varianti 1300 Rally e 1600 Rally come base per diverse competizioni automobilistiche.

Due versioni diverse sono state impiegate nelle competizioni, una in conformità Gruppo N, molto simile alla versione di serie ma con alcune modifiche e una in conformità Gruppo A con modifiche e prestazioni più elevate. Dal 2014 le 1300 e le 1600 nonostante l’omologazione scaduta rientrano nelle normali categorie (Gruppo N e Gruppo A). Come versione più potente di 106 impiegata nei rally troviamo il modello Maxi appunto, una Kit Car variante della Gruppo A , con aspirazione a 4 farfalle, al posto della mono-farfalla, imposta per regolamento in Gruppo A e possiede un motore a trazione anteriore trasversale con 4 cilindri in linea e 1587 cm³ per una potenza di 215 CV.

La distribuzione è a bi-albero in testa a 16 valvole ad iniezione elettronica con cambio sequenziale a sei rapporti. Le dimensioni di questa vettura sono 3,70 metri di lunghezza circa per 1,70 di larghezza con un peso complessivo di 900 kg circa. La versione kit della 1300, ex k9, rientra nella classe A1400 e concorre insieme alla 106 gruppo A, invece la variante kit della 1600 forma classe a parte denominata K10. A partire dal 2018 in Italia la quasi totalità delle Peugeot 106 sono emigrate dai gruppi N e A ai nuovi gruppo Produzione di Serie e Produzione Evo in seguito all’entrata in vigore della normativa FIA sui serbatoi. Negli ultimi anni alcune Peugeot 106 sono state utilizzate come base per creare versioni di Racing Start categoria che negli ultimi anni sta avendo una discreta importanza per quanto riguarda le competizioni automobilistiche.

Buona visione e soprattutto buon ascolto. Vietata la visione ai deboli di cuore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *