Cir, Giandomenico Basso: "Saltato accordo con Citroen per la stagione 2019"

Doccia fredda per il pilota veneto, che ora è in cerca di un sedile

Dopo l’abbandono di Peugeot e di Skoda, il CIR può consolarsi con l’entrata roboante e dalla porta d’ingresso principale di Citroen Racing.

Il Double Chevron rientra dunque dopo anni di assenza e potrà contare su un buon prodotto quale la nuova C3 R5. Nelle ultime settimane sono circolate voci che fosse Giandomenico Basso a beneficiarne del sedile, ma ieri lo stesso pilota veneto ha smentito tutto ai microfoni di Rock ‘n Rally.

Ecco le sue dichiarazioni:

Sono triste. Mi dispiace dare a tutti una notizia così brutta. Purtroppo oggi si è spenta qualsiasi speranza di poter entrare a far parte della squadra Citroen Italia. Il team mi ha comunicato che non sarò io il loro pilota. Sono davvero molto rattristato. Adesso dovrò darmi da fare per cercare di capire dove orientarmi. Non nascondo che ho sperato fino all’ultimo di poter correre con la C3 R5 ufficiale, ma non sarà così.

Grande delusione anche per tutti i fans di Giandomenico, che davano ormai certo l’accordo tra le due parti in causa. In lizza dunque per entare in orbita Citroen sono rimasti dunque il veronese Umberto Scandola, fresco di divorzio da Skoda Motorsport, e l’ex campione europeo Luca Rossetti, che a questo punto potrebbe abbandonare l’idea di correre con la i20 R5 della Friulmotor e diventare nuovamente un pilota ufficiale del gruppo PSA.

Le prossime settimane saranno decisive e ne sapremo certamente di più!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *