WRC Turchia, italiani: Fabio Andolfi è terzo nel WRC2! "Pedro", Arengi e Covi al traguardo

Solo quattro le difficili stages euroasiatiche disputate oggi dai "nostri", col ligure Andolfi a Marmaris con una coppa in mano

Dopo l’edizione 2018 si sapeva che questo Rally di Turchia 2019 sarebbe stato lungo, intenso, estenuante per auto ed equipaggi, ma era comunque difficile immaginare quante difficoltà avrebbero creato questi 309km di prove speciali ricchi di pietroni, dislivelli, curve assai impegnative.

Fabio Andolfi – Emanuele Inglesi | Skoda Fabia R5 | 14°ASS – 3°WRC2

Non era iniziata nel migliore dei modi la gara dei nostri Fabio Andolfi ed Emanuele Inglesi (a sostituzione dell’infortunato Simone Scattolin), complici due forature occorse durante la prima mattinata, perdendo in totale oltre cinque minuti nonostante due scratch di WRC2.

Proprio mentre il duo ligure-laziale si trovava in forte recupero sui diretti rivali Kajetanowicz e Bulacia, altre due forature sulla PS Yeşilbelde ne hanno compromesso anche il sabato nonostante la terza posizione di WRC2 mantenuta in “sicurezza”, con poche speranze ormai di argento od oro.

Oggi hanno invece corso la giornata conclusiva senza alcun rischio, mantenendo il bronzo di categoria che vale oro in ottica campionato, che ancora li vede in gioco a tre eventi dalla fine (Galles, Spagna, Australia) aventi anche una positività rinata anche grazie a tre scratch di prova speciale su un terreno cotanto insidioso.

“Pedro” – Emanuele Baldaccini | Ford Fiesta MK8 R5 | 23°ASS – 9°WRC2

Per nulla facile questo Turkey per il gentleman bresciano “Pedro”, al suo fianco il fido Baldaccini, causa due ritiri che ne hanno compromesso fortemente la prestazione, permettendo loro di prendere il via in solamente pochi tratti cronometrati, salvo poi svettare comunque sul palco di arrivo di Marmaris, giusta ricompensa dopo tre giorni davvero difficili, per certi versi frustranti.

Sicuramente anche per loro arriverà il riscatto, dopo questo debutto non troppo positivo sulla terra con la Fiesta R5 di ultima evoluzione, nell’ultimo appuntamento stagionale che li vedrà al via nel WRC2, il venturo Rally RACC di Spagna.

Fabrizio Arengi Bentivoglio – Massimiliano Bosi | Skoda Fabia R5 | 21°ASS -11°R5

Terzo appuntamento stagionale nel WRC, terzo arrivo per Fabrizio Arengi Bentivoglio, alle note Massimiliano Bosi, a bordo della sua Skoda Fabia R5 by Delta Rally, autore di una prestazione costante, senza prendere troppi rischi, che ha portato anche loro sul palco di arrivo della cittadina turca dopo tre intense giornate di gara e quasi 5 ore passate in prova speciale.

Carlo Covi – Giorgio Campesan | Peugeot 208 R2B | 24°ASS – 1°RC4

Nonostante la qualifica di avvocato, per Carlo Covi, alle note Giorgio Campesan, non è stato per nulla semplice correre sulla “difensiva” in questo Turchia, con strade davvero provanti specialmente per loro che sono stati gli unici al via con una vettura a due ruote motrici, riuscendo anche ad arrivare in fondo completando tutte le prove speciali a bordo della piccola Peugeot 208 R2B.


Dopo questo difficile appuntamento “spaccamacchine” il circus del World Rally Championship si trasferisce in Galles, per il Wales Rally GB, dal 3 al 6 Ottobre, laddove tra i nostri portacolori troveremo  per il WRC2 Fabio Andolfi-Emanuele Inglesi (Skoda Fabia R5) e Simone Tempestini (Hyundai I20 R5), mentre Enrico Oldrati ed Elia de Guio saranno al via per l’ultimo appuntamento dello Junior WRC 2019 a bordo della consueta Ford Fiesta MK8 R2T.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *