ERC - Lukyanuk allunga in Ungheria nel day2, ma Ingram resiste. Out Habaj.

Oggi ultime battute del campionato europeo

Il day2 del Rally Hungary è caratterizzata dal maltempo, infatti pioggia e nebbia si sono alternate per tutta la giornata nelle strade viscide e sporche di foglie e fango situate nei dintorni di Nyíregyháza.

La seconda giornata di prove vede in testa il pilota russo Alexey Lukyanuk sulla Citroën C3 R5, che chiude al comando (nonostante una foratura) con 44″ di vantaggio sul Chris Ingram sulla Skoda Fabia R5 EVO.

Terzo gradino provvisorio per il locale Túran sulla Skoda Fabia R5 che nel finale scavalca il ceco Mares attardato anche lui da una foratura e da un lungo nel corso dell’ultima prova di giornata. Quinto posto per l’irlandese Devine sulla Hyundai I20 R5.

Tantissime le forature, recordman di giornata il locale Herczig con ben tre forature che gli fanno perdere posizioni preziose. Ritiro amaro per il polacco Łukasz Habaj che deve dire così addio ai sogni di gloria.

Giornata no anche per il nostro Andrea Nucita costretto al ritiro con la sua Abarth 124 RGT già alle primissime battute del Rally, stessa sorte per il principale rivale per il titolo Abarth il polacco Polonsky. Tutto si deciderà domani, sempre che i due protagonisti possano tornare in gara con la formula del rally2

Pics by FIA ERC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *