Latvala: "Nei rally conta l'affidabilità". Adamo: "Non è il momento di parlare di cosa è successo"

Dichiarazioni dei team principal dopo la prova speciale SS12 Lerno - Monti di Alà 2

La gara è ancora lunga e tutto può ancora succedere ma è certamente un duro colpo per Hyundai Motorsport che, per la seconda gara consecutiva, stava dominando la gara con Tanak prima di un improvviso ritiro. Ancora un problema di sospensioni per la i20 ed umori contrastanti per i due team principal che si contendono le principali classifiche. Abbiamo raccolto le loro parole rilasciate durante il service park prima della prova speciale numero 13 Bortigiadas – Aggius – Viddalba 1

Le prime dichiarazioni sono quelle di Jari-Matti Latvala che si trova con due piloti sul podio e la possibilità di cercare di controllare da qui alla fine della gara:

Le emozioni non sono certo mancate. Stamattina Tanak aveva iniziato fortissimo, poi Sordo ha perso secondi preziosi dopo un
guado ed Ogier l’ha passato. Infine a Monte Lerno si è fermato Tanak per un problema, non ci fa piacere ma fa parte del gioco.
Come sappiamo nei rally oltre che velocità conta anche l’affidabilità.

Di tutt’altro umore Andrea Adamo che aspetta il ritorno della i20 per capire quanto accaduto e carica Sordo nel tentativo di limitare i danni per le classifiche piloti e costruttori.

Non ho idea di cosa sia successo a Tanak, non è il momento di parlarne. Ho solo visto la macchina fermarsi durante la tappa. Quando la macchina tornerà, potremo vedere i danni. Così è un un duro colpo per il morale per lui e per la squadra. Anche per me. È chiaro che stava gestendo e non spingendo più che poteva. Era già davanti, sapeva benissimo cosa stava facendo. D’altra parte, non poteva iniziare a perdere dieci secondi, ci sono ancora delle tappe difficili ed avevamo già intuito qualche problema con le gomme.  Sordo è evidente che ora cercherà di mettere quanta più pressione possibile a Ogier.

Al momento mancano tre prove per chiudere la giornata e sette totali con le prove di domani. Tutto può ancora succedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *