WRC2 | Rally Sardegna - Østberg: cornuto e...multato!

Il norvegese è stato multato dalla FIA per il comportamento tenuto alla fine della speciale 18

Cornuto e mazziato, anzi no, multato.

Dopo averne passate di cotte e di crude per tutto il weekend Mads Østberg si è visto anche recapitare una multa di 1000 euro ed una penalità di 25 punti, entrambe sospese, per lo spiacevole, secondo la FIA, episodio avvenuto alla fine della speciale 18. Ma andiamo con ordine.

Il campione del mondo dopo essere stato al comando delle operazioni era stato costretto a ridurre il suo ritmo il sabato mattina, a causa della rottura di un tubo dei freni. Un successivo problema alla ruota capitatogli in trasferimento lo aveva poi costretto a timbrare con sei minuti di ritardo all’ingresso del service.

La conseguente penalità di un minuto lo aveva quindi visto perdere la prima piazza in favore di Jari Huttunen, ma una furiosa rimonta gli aveva permesso di recupera i 34.9 secondi di ritardo dal finlandese, e di tornare in testa al termine della speciale 17 alla domenica mattina.

Mads Ostberg

La foratura che fece traboccare il vaso

Proprio quando le cose sembravano volgersi al meglio per il norvegese, ecco l’ennesimo imprevisto. Una foratura sulla successiva prova speciale, la 18, lo faceva nuovamente scivolare al secondo posto, rendendo l’equipaggio Citroen a dir poco nervoso. 

Mads e Torstein hanno quindi sfogato tutta la loro frustrazione con svariate imprecazioni e urla, con tanto di lancio del quaderno delle note da parte del navigatore. Una volta fermo per la solita intervista di fine prova le cose sono ulteriormente peggiorate: Mads si è infatti sfogato pubblicamente e in diretta TV anche ai microfoni di WRC, usando delle espressioni non proprio gentili verso le coperture Pirelli:

Sono veramente infastidito c****! Ne succedono sempre di tutti i colori. Queste c**** di gomme di m****, non ho toccato assolutamente nulla in questa prova. Sono stato dritto al centro della strada, ma ho forato. Sono veramente stanco c****!

La cosa non poteva passare inosservata alla Federazione che gli ha recapitato infatti la multa e la penalità. Il tutto per aver violato un paio di articoli del codice di condotta della FIA, dove si diffidano i piloti dall’usare un linguaggio non appropriato e un comportamento anti sportivo.

Mads si è prontamente scusato per l’accaduto, ma ciò, a quanto sembra, non è bastato.

Ostberg05ITA21cm450

Un documento degli steward recita infatti:

Anche se gli stewards hanno compreso la situazione, specialmente dopo aver sofferto di problemi tecnici che hanno portato l’equipaggio a non controllare le emozioni, appare chiaro come i piloti dovrebbero sempre avere un comportamento decoroso e un linguaggio appropriato durante le interviste in diretta.

L’uso di questo tipo di linguaggio è considerato come anti sportivo. Danneggia l’immagine del motorsport e va contro i valori definiti dalle FIA in generale.

Tutti i i piloti nel World Rally Championship dovrebbero tenere a mente di essere sempre un esempio.

La penalità e la multa sono comunque sospese per il resto della stagione. Verranno imposte e considerate solo nel momento in cui Mads dovesse ricascare in un errore uguale o simile a quello appena compiuto all’interno della stagione 2021.

E voi? Cosa ne pensato in proposito? 

Credit: Dirtfish

Commenti

  • Falco

    Cazzo e merda ormai si trova nei cartoni animati per bambini. Su facebook esistono gruppi di imbecilli che come nome hanno bestemmie. Perché mai un pilota con l’adrenalina a mille e incazzato nero dovrebbe essere l’unico a dover parlare come un lord inglese? O si regola il minimo a 360° a tutto il mondo dei media, o fare i duri e puri solo in certi contesti limitati mi pare estremamente ipocrita o, come direbbe Lord Fantozzi, una cagata pazzesca!

  • Alberto

    Ha ragione, prima cosa l’intervista a un pilota che è in una gara dove gli sta andando tutto male, non devi nemmeno andare a disturbarli, ne ha dette ancora poche… riguardo alle gomme, pensate a cos’è successo in formula 1…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *