WRC Rally Spain - Lotta serrata tra Neuville e Evans dopo il primo giorno

I due al momento viaggiano su ritmi irranggiunbili per gli altri

Chi sarà il “Tarmac Master” che si aggiudicherà questo Rally di Spagna 2021? Ancora impossibile dare una risposta a questa domanda, ma la prima giornata ha visto emergere due piloti su tutti: Neuville e Evans, con il primo che, alla fine delle prime 6 prove, viaggia con un vantaggio di 6 decimi sul secondo.

Se la mattina, come vi abbiamo raccontato prima, se la era aggiudicata Elfyn Evans, il pomeriggio si è rivelato essere dalla parte di Thierry Neuville che, con Martijn Wydaeghe alle note, si è aggiudicato tutte le prove, andando al riposo con un piccolo vantaggio sul gallese, ma già un discreto break di quasi 20 secondi nei confronti del terzo, Sébastien Ogier.

Neuville era decisamente meno in difficoltà nel pomeriggio, quando i problemi di sottosterzo si sono fatti meno pesanti:

Mi sento più a mio agio in macchina e non vedo l’ora che arrivi domani. Nelle tappe tortuose avrei potuto essere molto più veloce, ma non riuscivo a entrare in curva e dobbiamo lavorare su questo. Domani sarà diverso: è un po’ più aperto, quindi dovrebbe adattarsi meglio a noi

Per quanto riguarda Il campione del mondo in carica e leader del campionato non ha certo bisogno di forzare in quanto il terzo posto sarebbe già un risultato apprezzabile in ottica campionato. Tuttavia Ogier sull’asfalto non è secondo a nessuno e nella sua analisi troviamo la risposta al ritardo che ha accumulato:

In questo momento è così. Non ho abbastanza fiducia nella macchina per spingere al massimo. Non è stato nemmeno un giorno bruttissimo, ma allo stesso tempo ho dovuto sempre combattere un po’ con la macchina e non ho mai trovato il ritmo perfetto.

Per un Ogier che non ha nessun interesse nel forzare, c’è un Sordo che, a casa propria, farebbe carte false per ben figurare ed agguantare il podio. Lo spagnolo è attualmente a 5,4 secondi da Ogier e ha promesso di battagliare per il podio anche domani.

Gli altri? Dopo Dani gli altri arrancano vistosamente, con il solo Rovanpera che è riuscito a scrivere il suo nome, una volta, tra i primi quattro tempi di prova. In verità c’era riuscito anche Tanak, ma nella prova successiva è uscito ed ha concluso la sua giornata in malo modo.

In WRC2 ancora una volta grande sfortuna per Mads Ostberg che, mentre era al comando, ha accusato una foratura. Il problema non gli ha impedito di continuare ma adesso si trova in quinta posizione di classe e con un minuto e 45 di distacco dal leader temporaneo, Eric Camilli.

Il francese, che partecipa quest’ anno solo ad alcuni eventi, ha portato la sua C3 Rally2 saldamente al comando con 20 secondi su Nikolay Gryazin e 24 su Erik Cais, anche lui grande specialista dell’asfalto e sicuramente in evidenza quest’oggi.

Ecco la classifica aggiornata al momento in cui scriviamo:

Photo Credit: Luca Barsali

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *