Skip to content Skip to sidebar Skip to footer
Tempo

2 MIN

Martins Sesks in gara con una Fiat Multipla? Succede anche questo in Lettonia

Chi non vorrebbe correre con una Multipla?

Mentre in Italia spesso si rincorre l’ultima Rally 2 in commercio, anche per la ronde sotto casa, all’estero piloti di caratura internazionale non disdegnano partecipazioni goliardiche anche con mezzi, a dir poco, inusuali.

In questo caso è l’astro nascente lettone Martins Sesks ad aver affronanto un rally addirittura con una Fiat Multipla, un’automobile che è l’antitesi della sportività! Sesks, appena ottenuto il primo posto al Rally Liepaja (valido per l’ERC), conquistato vincendo tutte le prove speciali, ha lasciato per un volta volante e pedali ed è passato sul sedile di destra di questa improbabile Fiat Multipla Jtd, insieme al suo amico Roberts VÄ«tols.

L’unicorno sulla fiancata dovrebbe rendere almeno 10 cavalli in più!

 

L’occasione è stata quella di partecipare ad una competizione nella sua città natale, Liepaja, il Minirally Karosta. Karosta è un quartiere della città lettone che una volta era una grande base navale ed è ricco di parchi e stradine. I “Minirally” sono brevi rally in cui, in sostanza, ci si può iscrivere con qualsiasi vettura purché sia assicurata e con la revisione in regola. Si può quindi partecipare anche con automobili completamente di serie ed anche con una Fiat Multipla! Così come le auto possono essere di serie, anche l’abbigliamento di sicurezza obbligatorio è ridotto al solo casco e alla raccomandazione di indossare pantaloni lunghi.

Il racconto della gara ed il motivo per cui si sono lanciati in questa sfida ce lo ha riassunto Roberts Vitols in queste parole:

” Il rally non è stato semplice perché le sospensioni e tutto il resto erano di serie e, chiaramente, l’auto non è fatta per queste strade. Abbiamo perso un sacco di pezzi per strada, abbiamo colpito un albero e abbiamo finito con una ruota a terra, ma ce l’abbiamo fatta. Abbiamo provato che si può guidare qualsiasi cosa in un minirally e tornare a casa con l’esperienza di un vero rally “

Unica concessione alla sicurezza: il casco!

Noi pensiamo che qualsiasi cosa possa portare più persone a correre nei rally sia di per sè positiva e, anche se nutriamo qualche riserva sulla sicurezza, va anche detto che queste competizioni sono studiate per mantenere le medie molto basse… o forse no??

Mostra commentiChiudi commenti

Lascia un commento

Rallyssimo.it – TESTATA GIORNALISTICA
Iscrizione autorizzata al Registro Stampa del
Tribunale di Rimini N° 6 del 19/11/2019

Iscriviti alla Newsletter

RALLYSSIMO © 2022 – The SpaceWeb Agency The Space