Donazzan: "Così ho convinto Wilson a scommettere su Orange1"

Aneddoti sulla trattativa che ha portato il team campione del mondo in Italia

Ha lasciato tutti di stucco la notizia dell’accordo tra Orange1 e M-Sport per la stagione 2019 nel CIR. Un accordo importante che porta le prestazioni di uno dei team più prestigiosi al mondo all’interno del nostro campionato nazionale e che da una bella scossa a tutto il movimento. Un accordo che ci ha incuriosito talmente tanto da farci raccontare la patron di Orange1 Armando Donazzan dettagli, aneddoti e curiosità. Naturalmente non poteva mancare qualche domanda su un campionato italiano rally 2019 che si preannuncia scoppiettante.

Allora Armando raccontaci. Com’è nata l’idea M-Sport?

L’idea nasce dall’anno scorso, alla fine della stagione, dopo tanta insoddisfazione per i risultati anche per vicissitudini tecniche. C’era bisogno di fare un salto di qualità e quindi ho detto a Simone che o si andava a scegliere un team top non privato oppure non si sarebbe fatto nulla. Abbiamo iniziato a ragionare sui vari team Hyundai, Citroen, Volkswagen. Tuttavia la mia scelta è stata fin da subito quella di indirizzare Simone verso M-Sport perché non volevo ripartire con un’esperienza e una macchina nuova. Simone son tre anni che guida Ford, ne è contento da sempre, si tratta di una macchina competitiva e quindi pensando ad un partner tecnico di livello la scelta era ovviamente M-Sport.

Come avete convinto Wilson a scommettere su di voi?

In realtà penso sia bastato poco, qualche parola. Ci siamo capiti subito, ci siamo guardati negli occhi. Siamo entrambi imprenditori e dialogando abbiamo capito che ci potevano essere presupposti interessanti per entrambi: per noi di poter provare a vincere quel titolo che cerchiamo da tre anni e da parte sua di poter dimostrare di poter essere vincente con la sua macchina anche nel campionato italiano, valorizzando quindi la nuova Ford Fiesta in un mercato dove altri marchi hanno preso piede da grande business man quale è. Il tutto legato a Simone che è un pilota che vincente e che gli piace. Quindi dopo un primo approccio iniziale è stata tutta una discesa e devo dire che c’è un coinvolgimento totale da parte di tutto il team. Stanno lavorando sulla macchina in modo incredibile e ci arrivano messaggi molto entusiasti, sono super gasati anche loro. Uno di questi recita: “Simone ti garantisco che mai a nessuno M-Sport ha fatto una macchina così performante. Ti daremo in assoluto la migliore Ford mai fatta”. Questo ci rende molto contenti e ci dimostra quanto M-Sport crede in questa unione con Orange 1. È stata un emozione fantastica all’inizio e continua ad esserlo giorno dopo giorno vedendo il loro coinvolgimento.

Ci racconti qualche aneddoto della trattativa? Il momento più significativo per te

Il momento più bello della trattativa è stato quando ci stavamo per salutare. Wilson si è dimostrato grande amante dell’Italia e di vini italiani ed abbiamo iniziato a parlare dei vini Specogna, bravissimi produttori di mia conoscenza. Gli ho detto che gli avrei fatto avere una cassa di vino ma poi l’ho guardato negli occhi e gli ho detto: “no, facciamo un’altra cosa. Siccome io ho puntato su questo ragazzo per farlo diventare un vincente, ti do un’altra cassa di vino se tu lo provi e capisci se può essere un pilota vincente anche per te, per M-Sport.”. Ci siamo stretti la mano ed ha promesso questo test quindi per me è stato un grande successo ed un avvicinarci ancora di più, aprendo una possibilità per Simone realizzando un suo sogno.

E poi, a dimostrazione della vicinanza, ci hanno offerto la possibilità di essere tra i primi in assoluto a vedere la nuova R5. Ci hanno portato in questa stanza blindata con poche persone che lavoravano ed abbiamo avuto l’emozione di osservare la nuova macchina. Un emozione grande e una grande dimostrazione di serietà e unione fin dal principio.

Cosa ti aspetti da questo sodalizio?

Mi aspetto tantissimo perché stiamo parlando e lavorando tra organizzazioni serie, capaci, professionali e professionisti. Mi aspetto che entrambi lavoriamo per ottenere il massimo risultato. Sappiamo che non è facile, che abbiamo concorrenti incredibili davanti a noi e che sarà una stagione pazzesca. C’è la possibilità di alzare tanto il livello e non ci fa paura. Abbiamo grande rispetto ma paura no. Mi aspetto di lavorare in modo estremamente professionale e se saremo più bravi degli altri arriveremo a vincere. Loro sono al top e lo siamo anche noi.

Un ulteriore punto fondamentale per noi è che uniamo il nostro brand Orange 1 a quello che negli ultimi due anni è stato campione del mondo. Un brand forte. E come immagine vogliamo dimostrare che Orange1 è un brand che punta sempre al massimo, a dimostrare di essere la migliore sempre.

Le sorprese sono finite o dobbiamo aspettarci altro?

Ci sarà un’altra grande sorpresa di cui devo dare grande merito a Simone per averci creduto insieme ad M-Sport. Francamente non me lo sarei mai aspettato ma avremo un partner tecnico incredibile, il migliore. Abbiamo lottato per averli e credo che aver scelto M-Sport ci abbia permesso di raggiungere quest’altra società con noi. Un connubio incredibile che sveleremo in fase di presentazione e che credo ci permetta di competere con Rossetti e Citroen che crediamo siano il riferimento in termini di avversari.

Grazie mille Armando per la disponibilità e per i bellissimi aneddoti!

Commenti

  • Carlo alberto

    Ciao a tutti e buona vita ancora Armando Donazzan e una persona estremamente disponibile e sopratutto raggiunge molti degli obbiettivi che si pone sul suo cammino gli auguro di vero cuore di riuscire in tutti gli obbiettivi in cui crede grazie a lui e a tutte le persone come lui che nel proprio lavoro mettono anima r passione ogni giorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *