WRC - Richard Millener: "In questa gara avevamo il potenziale per far bene, peccato per l'incidente di Suninen. Splendida la gara di Fourmaux"

Il team inglese raccoglie meno di quanto sperato alla vigilia. Le uniche note positive le regala il giovane pilota transalpino

Il team M-Sport Ford manda in archivio un Rally di Monte Carlo mai così difficile e sofferto. Alla vigilia della gara la squadra di Malcolm Wilson era convinta di poter portare a casa un buon risultato, soprattutto dopo il gran lavoro svolto durante i test pre evento, nei quali i due piloti, Teemu Suninen e Gus Greensmith, avevano avuto modo di affinare gli assetti della Ford Fiesta WRC+ , cosa che non erano riusciti a fare nelle ultime gare del 2020, e raccoglie dati utili sulle nuove coperture della Pirelli. 

In particolare il 26 enne finlandese, sui primi kilometri della speciale di apertura, metteva le ali alla sua Fiesta facendo segnare i migliori tempi parziali. Purtroppo è stata una gioia di breve durata perchè a poche centinaia di metri dal fine prova, quando ormai era prossimo a far segnare il miglior tempo, è finito per perdere aderenza sul bagnato, andando a colpire un terrapieno con conseguente cappottamento e fine della corsa qualche metro sotto il ciglio della strada.

A quel punto l’unica Fiesta WRC+ rimasta in gara era quella del britannico Gus Greensmith, il quale per tutta la gara non è mai riuscito a trovare il bandolo della matassa, dichiarando di non riuscire a trovare quella fiducia che aveva avuto durante i test. Come sappiamo il Monte Carlo è una gara molto difficile e che richiede una certa capacità di adattamento alle mutevoli condizioni del fondo, e quando viene meno la fiducia diventa complicato riuscire ad ottenere dei buoni risultati. Infatti nell’arco del weekend è stato autore di tempi molto altalenanti, riuscendo solo in alcune occasioni a strappare tempi tutto sommato discreti. Nonostante le mille difficoltà è riuscito a portare la macchina al traguardo, giungendo ottavo assoluto, anche se a quasi otto minuti e mezzo dalla vetta.

Le uniche note positive arrivano dalla splendida gara di Adrien Fourmaux. Il francese, al volante della Ford Fiesta MKII Rally2, ha lottato per tutto il weekend con l’esperto Andreas Mikkelsen per il primato nel WRC2. Il 25 enne ha dimostrato di aver, oltre al piede pesante, una buona intelligenza tattica sapendo gestire il proprio ritmo nelle fasi più critiche della gara. Purtroppo una foratura nella giornata di sabato ha definitivamente spento ogni speranza di vittoria. Per lui comunque una gara convincente e che l’ha visto terminare al nono posto dell’assoluta e secondo di categoria.

Voce al protagonista

Richard Millener (Team Principal M-Sport Ford):

Avevamo il potenziale per ottenere un buon risultato questo fine settimana, ed è stato fantastico vedere il ritmo espresso da Teemu nella prima prova. Anche senza tutti gli aggiornamenti, possiamo ancora essere competitivi come i nostri rivali nelle giuste condizioni. È un peccato che tutto ciò non sia durato più a lungo, soprattutto dopo tutto il duro lavoro per essere qui.

Gus ha fatto un ottimo test e non vedeva l’ora di iniziare il rally, ma per qualche motivo non tutto ha funzionato per il meglio. È molto critico con se stesso e so che avrà preso a cuore questa delusione. E non dimentichiamo quanto sia difficile questo rally. La fiducia è tutto, e se ti manca è difficile ottenere dei buoni risultati. Nonostante questo è riuscito a terminare la gara e a fare kilometri. Lavoreremo con lui per fare in modo che trovi quella fiducia che gli manca nei prossimi rally.

In WRC 2 abbiamo assistito ad un’altra grande prestazione di Adrien e siamo davvero contenti del lavoro che ha fatto questo fine settimana. Aveva la velocità, ma aveva anche la strategia e quando lo vedevi alla fine delle prove era sempre molto calmo e concentrato. Ha mostrato un ritmo vincente nei confronti di un pilota esperto, ma è stato anche in grado di capire quando era necessario utilizzare un approccio più cauto. Aveva tutto il necessario per mettere in scena una performance in stile Ogier e Adrien si sta decisamente dimostrando un vero talento per il futuro. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *