CIRT | Adriatico - Ecco le impressioni dei protagonisti in vista dell'ultimo giro di prove

Tre prove al termine della gara: ne abbiamo approfittato per fare due chiacchiere coi protagonisti

Gara dura all’Adriatico con molti colpi di scena. All’ultimo parco assistenza prima del giro finale abbiamo approfittato per raccogliere qualche dichiarazione dai principali protagonisti rimasti in gara. Eccole:

Umberto Scandola (Hyundai i20 R5)

Tutto ok, la macchina va bene a parte un piccolo problemino che dobbiamo risolvere. Tutto a posto anche riguardo alle gomme che stanno rendendo molto bene. Dobbiamo tenere duro ancora l’ultimo giro di prove.

Luigi Ricci (Hyundai i20 R5)

Torno sulla terra dopo due anni quindi con della ruggine. Ritrovo però macchina e coperture Yokohama che conosco bene e sto riuscendo a fare una gara più che decente. Stiamo facendo più regolazioni per trovare il feeling giusto. Non siamo ancora al 100% ma vediamo se riusciamo a recuperare ancora posizioni.

Andrea Dalmazzini (Ford Fiesta R5)

Questo ultimo giro di prove molto meglio. È quasi un anno che non corro e dovevo ritrovare il feeling. Nel primo giro mi son girato, ho perso 18 secondi e sono un po’ dispiaciuto per questo errore, ma alla fine son contento. Va bene così. Abbiamo fatto una modifica sulla macchina e adesso va molto meglio. Spero di continuare così.

Edoardo Bresolin (Skoda Fabia R5)

Per ora va bene i tempi sono buoni. Sono fiducioso di far bene anche all’ultimo giro. La macchina va bene e spero di continuare così.

Simone Campedelli (Volkswagen Polo R5)

Abbiamo fatto 6 prove e sto cercando di migliorare man mano sia la macchina che le gomme. Sto tentando di guadagnare fiducia sempre più. La gara mi piace e ho tentato di spingere forte. Al momento siamo terzi anche per alcune disgrazie altrui: è molto difficile, si scivola molto, bisogna mantenere la concentrazione altissima.

Tamara Molinaro (Skoda Fabia R5)

Tutto sommato bene. Sono contenta e ringrazio chi ci permette di essere qua. In vista dell’ultimo giro devo migliorare sulle prime due perché non riesco proprio a sentire il grip dove è più smosso. Sul dure invece sono più a mio agio: spero di riuscire a risolvere e a divertirmi come sempre.

Mattia Codato (Skoda Fabia R5)

Gara compromessa per qualche errore nostro, sia mio che del navigatore. Il debutto nella categoria va però oltre quanto speravamo, non pensavamo di andare così forte. Siamo contenti, galvanizzati e positivi per quanto deve ancora venire. E’ una gara che mi piace e conosco bene. Le gomme Yokohama vanno veramente bene e io riesco a sfruttarle al meglio. Il risultato assoluto è rimandato, ma van bene cosi.

Rachele Somaschini (Citroen C3 R5)

Ho rovinato subito la mia gara sulla prima speciale dove mi sono girata. Mi sono innervosita troppo e ho fatto altri errori. Adesso ci stiamo un po’ riprendendo. Sulla quinta ho toccato Battistolli che era fermo in prova: ero convinta di aver staccato una ruota invece per fortuna no, solo qualche danno alla carrozzeria. Nel guidato andiamo bene, ma dobbiamo lavorare sul veloce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *