Audi alla prossima Dakar con Sainz, Peteransel ed Ekstrom su un buggy 100% elettrico

Ingolstadt presenta i tre equipaggi che parteciperanno nel 2022 alla maratona: si punta alla vittoria con una auto a motore elettrificato

La Casa dei 4 anelli non si è mai tirata indietro alle sfide ed alle prime volte: prima vettura a trazione integrale a trionfare nel WRC, primo prototipo diesel a vincere a Le Mans. La prossima? Vincere la Dakar con una auto elettrica.

Oggi ad Ingolstadt era tempo di presentazioni: i tre equipaggi selezionati per l’avventura dal 2 al 14 gennaio 2022 hanno pedigree di tutto rispetto.

Stephane Peteransel la maratona l’ha vinta 14 volte (6 sulle due ruote e 8 in auto), mai nessuno come il francese:

Stéphane Peterhansel con il navigatore Edouard Boulanger sulla Quattro S2. Copyright: Audi Communications Motorsport / Michael Kunkel

La Dakar è una delle ultime avventure di questo mondo. Ed è sull’orlo di un cambiamento radicale: il futuro è elettrico. Tra dieci anni, tutti guideranno auto elettriche. La Dakar è un test estremo per questa tecnologia. Vogliamo essere la prima squadra a vincerla con una powertrain elettrica. Non vedo l’ora di affrontare questo progetto molto ambizioso con Audi

Carlos Sainz dopo aver vinto nei rally di mezzo mondo a 59 anni continua a partecipare alla corsa nel deserto:

Carlos Sainz, ‘El Matador’. Copyright: Audi Communications Motorsport / Michael Kunkel

Anche a 59 anni, ho ancora fame, altrimenti non avrei accettato questa nuova sfida. Anche da bambino, il mio sogno era quello di diventare un pilota di rally. La mia passione è immutata. L’Audi ha cambiato per sempre il campionato del mondo di rally. Ora stiamo provando qualcosa di simile al Rally Dakar. Gli ingegneri hanno molta più libertà nel Rally Dakar che in altre serie

Mattias Ekstrom è uomo Audi da sempre, con due titoli DTM ed un Mondiale RallyCross conquistati con la Marca:

Mattias Ekström ed Emil Bergkvist. Copyright: Audi Communications Motorsport / Michael Kunkel

Poter affrontare questo entusiasmante progetto insieme alla squadra, con la quale ho celebrato i miei più grandi successi, è fantastico. Anche se quest’anno compio 43 anni, mi sento come un junior rispetto a Carlos e Stéphane. In questo sport, hai bisogno di molta esperienza in tutti i settori. Ho ancora molto da imparare, ma non vedo l’ora

Curiosamente sarà navigato da Emil Bergkvist, campione Europeo Junior 2015 e JWRC nel 2018, che appeso il casco al chiodo ha iniziato a navigare Ekstrom:

Mattias è sempre stato un idolo per me, ogni appassionato di motorsport in Svezia lo conosce. Quando ho smesso di guidare, l’ho chiamato e gli ho chiesto se potevo lavorare per il suo team. Ora sono il suo co-pilota. È un onore per me poter lavorare con lui e far parte di questo grande progetto dell’Audi

Copyright: Audi Communications Motorsport / Michael Kunkel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *