Infortunio per Guido D'Amore al Rally Liepaja

Il navigatore di Umberto Scandola sarà costretto ad un periodo di riposo

L’uscita di strada al Rally Liepaja della Hyundai i20 numero 12 del Hyundai Rally Team Italia era sembrata subito di quelle importanti. Altissima velocità, impatto laterale ed una serie di cappottamenti, fino a fermarsi nei pressi di un albero. Un impatto tutt’altro che leggero per Scandola – D’Amore da cui però l’equipaggio sembrava essere uscito illeso.

Lo stesso Scandola aveva spiegato quanto successo, oltre a ripercorrere i passaggi cruciali della gara lettone:

Mi spiace di quello che è successo, ma penso che faccia parte delle difficoltà che si incontrano in questo tipo di gare. Come in Polonia anche qui in Lettonia abbiamo trovato delle condizioni di gara completamente diverse a quelle dove corriamo da tanti anni. Prove con medie superiori a 120 km/h, fondi duri che si alternano a tratti sabbiosi e una serie di riferimenti. Per noi che siamo alla prima partecipazione ci mancano molti riferimenti rispetto a tanti avversari che corrono da anni nell’europeo.

Nella prima tappa abbiamo cercato di tenere un passo regolare, eravamo ancora un po’ distanti dai migliori ma il ritardo era inferiore a quello che avevamo accusato nella prima gara. Sulla classifica della prima giornata hanno pesato un paio di errori. Siamo arrivati lunghi in una curva e si è spento il motore perdendo una quindicina di secondi e poi nella prova successiva abbiamo preso anche una penalità di venti secondi dalla direzione gara per aver urtato una chicane. Tutto questo ci ha fatto perdere 4-5 posizioni in classifica di giornata e abbiamo chiuso solo ventesimi.

Sabato nella seconda tappa partivamo più indietro e abbiamo trovato meno ghiaia rispetto a venerdì, con alcune buone regolazioni all’assetto stavamo cercando di attaccare per recuperare qualche posto in classifica. Dopo un discreto tempo nella prima prova del mattino nella successiva (PS8) in una curva destra medio veloce che chiudeva siamo scivolati nel campo a lato della strada iniziando a capottare.

Adesso voltiamo pagina e assieme al team inizieremo a lavorare sul prossimo rally che si corre sulle nostre strade: Rally di Roma Capitale l’ultimo week end di luglio. Su queste prove ho più esperienza avendoci corso in passato vincendo due volte e un’altra siamo arrivati secondi. Spero che sia l’occasione per portare alla squadra le prime soddisfazioni in questo lungo programma europeo.

Purtroppo dopo alcuni giorni la verità è risultata essere un altra. Al rientro in Italia Guido D’Amore ha svolto alcuni accertamenti che hanno evidenziato alcuni problemi alle costole: due incrinate ed una rotta. Un infortunio per cui viene consigliato assoluto riposo e movimenti controllati che evitino che la situazione possa peggiorare. A darne la notizia lo stesso navigatore che non ha comunque perso il suo spirito sempre positivo.

Sarà quindi necessario un periodo di riposo per “Gillo” con la partecipazione al Rally Roma Capitale a fortissimo rischio.

Segue il video dell’uscita di strada:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *