WRC - Estonia - Prima tappa. Comanda Rovanpera che regola Breen. Neuville, Ogier ed Evans a seguire

Rocambolesco primo giorno nel Baltico, tra forature e colpi di scena.

Dopo il Safari anche le piatte strade estoni regalano suspense e drama: molti i piloti di classe RC1 coinvolti in forature che hanno tagliato le gambe a molti pretendenti alla vittoria.

Tanak out, Neuville risale

Ott Tanak era la prima vittima illustre: il paladino di casa nel secondo impegno di giornata fora l’anteriore destra; nella PS successiva ne fora altre due di Pirelli andando largo in un campo. Niente scorte, fine dei giochi.

Anche il compagno Neuville sperimenta gli stessi ostacoli: nella PS4 fora e si sciroppa gli ultimi 7 km con solo tre gomme buone: perderà una posizione ma resta in scia con il treno dei primi.

Katsuta, ritiro per mal di schiena

Dopo le belle prestazioni in Kenya, il giapponese Katsuta deve alzare bandiera bianca causa mal di schiena del naviga Barritt: infortunio non insolito visti i numerosissimi dossi e salti presi ad altissima velocità.

M-Sport, se ci sei batti un colpo

Problemi meccanici (temperature del radiatore alle stelle, simile al ritiro di Solberg per surriscaldamento del motore), con anche una foratura per Suninen, in casa M-Sport: le Fiesta non sono presenti in alto in classifica e tutte le difficoltà del tema britannico si palesano nello stesso momento.

Toyota in scioltezza

Le Toyota sembrano essere molto docili in questo tipo di fondo, confermando le dichiarazioni della vigilia: Rovanpera, Evans ed Ogier si tengono nelle prime posizioni senza sembrare di doversi giocare il tutto per tutto ad ogni kilometro.

Lotta Kalle-Craig?

Rovanpera si è scambiato il comando delle operazioni con la i20 di Breen, con Neuville in risalita al terzo posto; dietro di loro Evans ed Ogier attendono pronti alla prima occasione utile: dal gradino più basso del podio in poi i distacchi si fanno pesanti, dai “48 in su. La gara velocissima lascerebbe intendere che la lotta per la vittoria sia a due tra Kalle e Craig; ma le insidie non sono finite dopo il primo dei tre giorni di gara.

Copyright: Jaanus Ree/Red Bull Content Pool

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *