Intervista a Erik Cais, l'astro nascente del rallysmo ceco che ha messo in riga i big dell'ERC

Il 22enne di Zlín, navigato da Jindřiška Žáková ha impressionato al Barum ma non si vuole certo fermare qui!

Ultimamente nel mondo dei rally si è fatta strada l’idea che per diventare un campione devi iniziare a correre prima possibile, come hanno fatto Kalle Rovanpera e Olilver Solberg. Tuttavia ci sono dei piloti che stanno dimostrando che si può iniziare anche a 18 anni. purché la determinazione sia totale e abbiano in precedenza fatto degli sport propedeutici allo sviluppo del loro talento.

L’ultimo e fulgido esempio è Erik Cais, pilota ceco di 22 anni e che ha iniziato a correre nel 2018 e che ha dimostrato una incredibile capacità di migliorarsi velocemente, fino ad arrivare a “bastonare” gente come Andreas Mikkelsen o Jan Kopecky nella gara di casa (ma che non aveva mai fatto su una R5/Rally2). Non potevamo certo lasciarci scappare l’opportunità di sentirlo e questo è quello che ci ha raccontato.

Ciao Erik, grazie per il tempo che dedichi ai lettori di Rallyssimo. Ho letto che hai iniziato a fare rally nel 2018, dopo aver interrotto la tua carriera in mountain bike, ma fin dall’inizio hai iniziato a correre nei rally internazionali. Qual era il tuo progetto e il tuo obiettivo in quel momento? La tua carriera internazionale in MTB ti ha aiutato a pianificare in modo professionale il tuo percorso nei rally?

Quando ripenso alla mia carriera in mountain bike, capisco che mi sono sempre concentrato completamente su quello che stavo facendo perché volevo farlo almeno al 150%. Tuttavia, nel profondo del mio cuore, ho sempre cercato un modo per diventare un pilota di rally.
Ho gareggiato nel campionato del mondo [di MTB] e subito dopo un incidente e al mio 18esimo compleanno, ero pronto a cambiare la sella della bici per un sedile da rally.

Sono sicuro che la bici mi ha aiutato molto, ho imparato che come una bici , devo sentire la macchina con tutto il mio corpo in modo che tutto funzioni correttamente. Ero anche abituato a gareggiare in tutto il mondo fin dalla tenera età, quindi viaggiare per le competizioni europee all’interno del FIA ERC ora è molto vicino a me.

Sei noto per essere molto veloce sull’asfalto bagnato e ci hai appena detto che è a causa della tua esperienza ciclistica. Puoi dirci qualcosa di più a riguardo?

Penso che sia proprio la sensibilità che mi ha dato la bici e che ora posso usare in macchina ed è per questo che mi sento a casa su una superficie bagnata.

Le tue prestazioni stanno crescendo molto velocemente e non solo su asfalto ma anche su sterrato, dove penso tu non abbia avuto precedenti esperienze (con la macchina). Qual è il tuo metodo per raggiungere questi brillanti risultati?

Direi che è prima di tutto un duro lavoro e cercare sempre di fare qualcosa in più.

Quando hai iniziato ad interessarti ai rally? So che tuo padre era un pilota di rally quindi penso che sia un family affair, quanto ti ha aiutato nella tua crescita come pilota di rally?

Sin da quando ero bambino, ho guardato mio padre e l’intero mondo delle corse e delle auto da corsa. Mio padre mi aiuta sempre, ci consultiamo sempre su tutto. Mi dà sempre i suoi consigli e sicuramente mi supporta molto anche mentalmente.

È tempo di parlare di questo Rally Barum. Hai corso questo rally solo 2 volte prima di quest’anno, anche se vieni da Zlín. Quanto sei rimasto sorpreso dal tuo ritmo? Insomma, ti aspettavi di battere Kopecky e Mikkelsen e di prendere un buon vantaggio?

Beh, non era qualcosa che io, o chiunque altro, si sarebbe mai aspettato. Soprattutto perché era la mia seconda volta su queste prove. Era ben oltre le mie aspettative e non riesco nemmeno a descrivere quanto fossi felice e quanto lo sia ancora. Non vedo l’ora che arrivi l’anno prossimo!

Qual era la tua sensazione prima dell’inizio dell’ultima tappa? e cosa è successo esattamente?

Ero nervoso ma sapevo che dovevo concentrarmi completamente sulla performance. Allo stesso tempo, ero felice dell’opportunità di iniziare. Ho commesso un errore per il quale ho pagato duramente. Ma questo è rally, succede.

Pochi piloti mettono la Fiesta Rally2 davanti al gruppo, secondo te la Fiesta Rally2 è più competitiva sull’asfalto?

Ogni macchina ha i suoi pro e contro, ed è come la squadra può preparare l’auto per quel determinato pilota che conta estremamente. Siamo abituati all’asfalto qui in Cechia, quindi è più facile per noi creare un ottimo set up sull’asfalto. Ma, ovviamente, cerchiamo di fare un ottimo set up anche sulla ghiaia.

Vedo che correrai alle Azzorre e al rally Fafe. Che risultati cerchi in questa stagione e, se puoi, raccontaci qualcosa del tuo progetto per il 2022?

Partirò per la seconda volta alle Azzorre e su Fafe sulla ghiaia per la prima volta, quindi ovviamente farò del mio meglio. Ma acquisire esperienza è il nostro obiettivo principale in questo momento. Ci piacerebbe davvero iniziare nel WRC per il 2022, ma dovremo aspettare per questo.

Ringraziamo Erik per il suo tempo e Daniela per aver reso l’intervista possibile e non vediamo l’ora di vedere Erik in azione alle Azzore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *