Pasqua nel segno dei rally con il Motors Rally Show

Le festività pasquali sono alle porte, ma i motori non si spegneranno. Il Motors Rally Show, rally in circuito che si disputerà sul circuito lombardo Tazio Nuvolari di Cervesina, andrà infatti in scena nelle giornate di domenica e lunedì’, come da un anno a questa parte.

La manifestazione lombarda partirà la sera del giorno di Pasqua con due prove speciali notturne, proseguendo poi il lunedì’ con altri quattro tratti e cronometrati e il “master show” finale. Per quanto riguarda i protagonisti, uno degli equipaggi di punta sarà composto dai vincitori dello scorso anno, Piero Longhi e Gianmaria Santini con una Ford Fiesta WRC della Twister Italia. Il piemontese parte con le intenzioni di bissare il successo del Rally Franciacorta, altra gara disputata in pista, sulle quali “Pierino” sembra aver preso una certa confidenza.

Altro pilota candidato alla vittoria è il ligure Fabio Andolfi, nonostante la Fiesta R5 meno prestazionale rispetto alla sorella maggiore. Dopo qualche gara corsa con la 124 Abarth e l’impegno saltato della Corsica, il ventitreenne debutterà con la quattro ruote motrici americana proprio sulle curve dell’autodromo lombardo. Altre vetture Ford saranno portate in gara da Giacomo Ogliari, Lorenzo Della Casa e Maurizio Tortone, tutti con la versione World Rally Car mentre altre R5 verranno affidate a Messori, Alerini, Mussa e Furci.

Nella classe dedicata alle “baby wrc” ci sarà anche la Hyundai i20 R5 guidata da Davide Nicelli il quale dovrà vedersela, oltre che con le numerose Ford, anche con le due Skoda Fabia di Miraglia e Rinaldi. Spazio anche alle vetture storiche, per una entry list composta da sette vetture. Tra queste la vittoria sembra già essere un affare, almeno sulla carta, della Porsche 911 SC di Beniamino Lo Presti il quale potrà contare sul potenziale e superiorità della vettura tedesca.

Ecco in seguito l’entry list completa:

http://www.pavia.aci.it/IMG/pdf/iscrittiprovvisoriomrs2017.pdf




Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *