Rivisto il prezzo del kit R4: meno 20% sul costo iniziale

85.000 € anzichè i 108.000 € inizialmente previsti

Rallye du Var
Il Kit R4 voluto dalla Fia è stato appena omologato dalla federazione per i prossimi sette anni, sia a livello nazionale che regionale, ma il suo prezzo è già stato rivisitato ancor prima che vengano avanzate le vendite vere e proprie.

Proposto come anello di congiunzione tra la classe R3 ed R5, questa nuova categoria è stata pensata anche per ganrantire auto prestazionali a prezzi non esorbitanti. Per questo motivo il prezzo iniziale di questo kit è stato rivisto rispetto alla sua offerta originale; dai 108.000 € originati, i produttori di Oreca hanno deciso di proporre il loro prodotto ad un prezzo di 85.000 € tasse escluse, con una diminuzione del 20%.

Come citato dal comunicato stampa della stessa Oreca, questa decisione ha degli scopi ben precisi:

Dopo aver completato una impotante fase di sviluppo in vista dell’omologazione, il gruppo Oreca ha iniziato la produzione del kit. La scelta del prezzo ridotto è dovuta al fatto di offrire auto prestazionali e competitive, ma commercialmente agibili considerando il budget globale.

Con questa importante riduzione dei prezzi, il costo di questa auto R4 potrebbe essere due volte inferiore rispetto a quelle di classe R5. Sarà quindi curioso capire se questo kit, complice anche questo importante fattore economico, potrà avere successo nell’immediato futuro.

Ricordiamo che la Oreca R4 ha effettuato il suo debutto nello scorso Rallye du Var in veste di apripista, ma l’interesse nel vedere se realmente la concezione di questo progetto potrà funzionare è molto elevata.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Commenti

  • Renesis

    Speriamo solo che R4 e R5 non si cannibalizzino l’un l’altra. Leggendo su un sito straniero dicevano che Sarrazin quando ha fatto l’apripista al Var è stato solo 0,5 secondi/km più lento delle migliori R5. Forse va fin troppo forte e rischia per certi versi di sovrapporsi.

    Di certo per un giovane pilota la possibilità di passare per gradi guidando un’auto 4WD, turbo e con 260 CV a un costo ben più basso di una R5 può essere allettante. E anche per l’amatore che vuol farsi la garetta con una macchina che non sia la “solita” Clio può essere interessante.
    Vedremo se prenderanno piede o meno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *