Happy Birthday Kris Meeke

Sempre spettacolare e sempre in discussione: questo è il funambolo britannico dei rally moderni

Oggi, 2 luglio, festeggiamo il compleanno del forte pilota e collaudatore britannico, Kris Meeke. Nato a Dungannon, Irlanda del Nord, il 2 luglio 1979 e debutta nel mondo del rally nell’anno 2000 dove partecipa al rally “bulldog” nel Galles del nord alla guida di una Peugeot 106. In quegli anni era dipendente M-Sport.

 Nel 2001 prima vittoria per lui al rally dello Swansea nel Galles sempre su Peugeot 106. Gli anni seguenti li passa nel JWRC cambiando svariate auto.

La svolta della sua carriera avviene nella stagione 2009, dove debutta nell’Intercontinental Rally Challenge alla guida di Peugeot 207. Inizia l’avventura nel Rally di Monte Carlo ma è costretto a ritirarsi per problemi meccanici. Successivamente vince in Brasile, Portogallo e Belgio, si ritira in Russia e dopo il quinto posto in Portogallo e due secondi posti e la vittoria in Italia, si proclama campione di categoria con un rally di anticipo davanti a Jan Kopecký.

Nel 2010 conclude terzo dopo una bella vittoria in Brasile e altri 2  podi.

Nel 2011 partecipa a qualche appuntamento del WRC con una Mini john Cooper Works e conquista un quarto e un quinto posto. L’anno 2013 passa in Citroen e partecipa a 2 eventi mondiali, ma non conclude i due appuntamenti. L’anno successivo, il 2014, partecipa al mondiale completo con la Citroen DS3 WRC. Conquista 4 podi, sempre il gradino più basso.

Nel 2015, durante il rally d’Argentina, conquista la sua prima vittoria nel mondiale, oltre ad altri 2 podi e concludendo quinto nella classifica.

Impegnato nello sviluppo della nuova Citroen C3 dal 2016 alterna risultati strepitosi ad errori gratuiti che lo portano sempre più ai margini del team che, in seguito ad un violentissimo crash al Rally di Portogallo, decide di fermare anzitempo la sua stagione per “motivi di sicurezza”. Memorabile la conclusione del Rally del Messico 2017 dove Kris stava abbondantemente vincendo la gara quando a pochi chilometri dalla fine uscì di strada rischiando di compromettere risultato e coronarie del team principal del tempo Ives Matton.

Ma sarà una sosta forzata che dura poco: per la stagione 2019 il team Toyota Gazoo Racing decide di mettere sotto contratto l’ingegnere meccanico britannico, con il chiaro scopo di migliorare lo sviluppo della vettura, portare punti preziosi per il costruttori e supportare Ott Tanak nella corsa al titolo piloti.

Per festeggiare il campione, vi lasciamo con un suo spettacolare video on-board:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *