Sondaggio - Cinque ragazzi col WRC nel destino. Chi preferisci?

Giovani e talentuosi sono già entrati nell’orbita dei team ufficiali

Se per l’emozione vetture Rally1 del futuro la strada è già ben delineata, per i prossimi protagonisti del mondiale rally le opzioni sono ancora tantissime. A parte Sebastien Ogier che ha annunciato di voler terminare con i rally in pianta stabile a fine stagione, gli altri piloti continuano con le loro carriere e non hanno alcuna intenzione di mollare. Ma devono fare attenzione.

Alle loro spalle si sta facendo sempre più spazio una nuova generazione di piloti che aspira a salire quanto prima in pianta stabile su una WRC Plus. Alcuni ci sono già riusciti, altri hanno solo assaggiato l’esperienza ma è comunque chiaro che il prossimo futuro della classifica generale del campionato del mondo rally si sta avvicinando sempre più velocemente.

Si parte naturalmente con Kalle Rovanpera che è ormai una certezza. Già nove apparizioni nella massima categoria e due podi e la quasi certezza che l’appuntamento con la prima vittoria sia solo questione di tempo. Segue Pierre-Louis Loubet con cinque gare sulla Hyundai i20 ed un processo di apprendimento che va avanti sereno ma ancora senza troppi sussulti. Si prosegue con Oliver Solberg che ha debuttato all’Arctic Rally Finland conquistando la top ten assoluta e stupendo per la velocità immediata. Solo un test sulla Ford Fiesta per Nikolay Gryazin, da sempre apprezzato per l’alta spettacolarità della sua guida costantemente in modalitù full attack. Conclude Adrien Formaux per cui M-Sport stravede e a cui è stata promessa almeno un’apparizione su WRC in questa stagione. E poi chissà che presto non si aggiunga qualche altro nome di belle speranze.

Giovani promesse con tanta voglia di far bene e prendersi il futuro dei rally.

E oggi siamo curiosi di capire chi tra questi cinque incuriosisce maggiormente i nostro lettori quale aspirante futuro campione del mondo WRC.

Diteci la vostra!

Cinque ragazzi col WRC nel destino. Chi preferisci?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *