L'altra metà dell'abitacolo: vita da navigatore - Video di Rally

I video più belli e bizzarri che raccontano al meglio chi naviga verso la vittoria!

Quando si parla di navigatori il pensiero corre verso persone che “urlano” numeri e lettere non sempre comprensibili e che vivono la competizione rallystica all’ombra di chi stringe tra le mani il volante. É inutile stare a dire quanto, in realtà, il ruolo del codriver sia ben più rilevante e significativo ed in questa nuova collezione di video vogliamo fare proprio questo: esaltare il ruolo strategico e sportivo dei navigatori. Un compito fatto di precisione ed altissimi livelli di fiducia, da conquistare curva dopo curva, chilometro dopo chilometro. Sempre pronti a buttare il cuore oltre l’ostacolo.

Ecco dunque la nostra video selezione dedicata a chi siede a destra per scelta.

Copertina per l’incredibile momento al Tour de Corse 2017 con Scott Marti che compensa la rottura dell’interfono con “note manuali”. Esplicativo il commento di Craig Breen:

“Questo è il peggior posto al mondo in cui perdere l’interfono. Ho dovuto guidare alla cieca per tutto il palco. Non voglio farlo mai più! “

I

Ha fatto la storia Daniel Elena appeso alla Citroen Xsara al Rally Mexico 2005 nel tentativo di raggiungere il Service Park su tre ruote. Altrettanto storia ha fatto la sua capacità di persuadere le forze dell’ordine, evitare multe e farsi pure accompagnare a destinazione.

Dura vita per Cato Menkerud navigatore di Henning Solberg, spesso di tetto ed in questo Svezia costretto alle migliori arti marziali per uscire dall’abitacolo innevato. E quando riparte “pallate di neve” da evitare con le note!

Ad un passo da una quanto inaspettata tanto gloriosa vittoria al Rally Italia Sardegna 2019, Dani Sordo rischia di buttare tutto al vento per colpa di un calabrone che entra nella Hyundai i20 WRC. Carlos Del Barrio mantiene la calma, calma il suo pilota, continua a dettare le notte. Il pizzico arriva lo stesso ma sarà comunque vittoria ed un bel tuffo nel porto di Alghero.

Dopo il tuffo nel lago il pilota estone era stato ribattezzato Titanak. Il clamoroso salvataggio dell’equipaggio e la Fiesta WRC rimesso in sesto in una notte da M-Sport aveva fatto passare in secondo piano il clamoroso lavoro di Raigo Molder che aveva passato le ore notturne a ricomporre tutto il road book ed asciugandolo pagina per pagina.

Ve lo abbiamo raccontato con un articolo dedicato il clamoroso episodio al Rally Turchia 2004 quando Timo Rautiainen venne colpito da una barra d’acciaio in un modo del tutto particolare. Ma nonostante tutto concluse la prova.

Una multa delle rigide leggi svedesi e Chris Patterson si trova a prendere in mano il volante della DS3 WRC al Rally di Svezia 2011. Gara conclusa e piazzamento mantenuto.

Ancora protagonista Petter Solberg ma questa volta con Phil Mills chiamato ad intervenire sul volante incredibilmente uscito dalla sede della Subaru Impreza. Una chiave inglese e la speciale può proseguire.

Il carattere “fumantino” del nostro Gigi Galli è noto ai più ma l’apice si raggiunse in Australia nel 2005. Un po’ di confusione tra le note da parte di Guido D’Amore e la reazione è tutt’altro che comprensiva.

Insomma vita sempre molto dura per i navigatori, chiamati alle note e a compiti che vanno ben oltre a quest’ultime. Perché si sa, il pilota si fida in primis di se stesso mentre il naviga si fida in primis del pilota. A patto che non si chiami Samir… 😀 😀 😀 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *