CIR | San Marino Rally: Vittoria di Umberto Scandola

Altra vittoria per il veronese che bissa il successo ottenuto al rally Adriatico

Altra prova di forza per il veronese che dopo aver vinto il rally Adriatico bissa il successo con la vittoria del 49° Rally San Marino davanti a Fabio Andolfi e Bruno Bulacia.

Vittoria combattuta fin dalle prime prove della giornata contro, un sempre in forma, Paolo Andreucci e Simone Campedelli. Battaglia che si è prolungata fino al secondo loop di prove e fino alla tanto tecnica e difficile prova di “Sestino”. Prova che nei suoi 14.88km ha portato a numerosi stravolgimenti nella classifica generale.

Il primo colpo di scena arriva durante il trasferimento verso la prova speciale. Paolo Andreucci entra nel controllo orario con due minuti di anticipo che gli comporta una penalità di due minuti.

Altro colpo di scena che arriva pochi chilometri dallo start della prova speciale quando il romagnolo Simone Campedelli fora perdendo più di due minuti per il cambio della gomma, che gli permetterà di ripartire alle spalle di Giacomo Costenaro.
Quest’ultimo autore dell’uscita che bloccherà la prova speciale e che porterà l’assegnazione dei tempi imposti ai vari piloti già dentro la prova speciale.

Tempo imposto che non sarà di aiuto per Simone che si vedrà assegnato un tempo molto alto per via del cambio dello pneumatico.

Sestino che porta problemi anche per il pilota Hyundai Andrea Crugnola che si ritrova con un ammortizzatore completamente distrutto e che lo costringe al ritiro dopo un’accesa battaglia contro il diretto avversario Giandomenico Basso.

L’ultimo colpo di scena avviene proprio ai danni del trevigiano che prima dello start della prova speciale “Macerata 3” si imbatte in alcuni problemi con l’avviamento della Skoda Fabia Rally2 che lo porteranno, poi, al definitivo ritiro dalla gara.

Gara che si concluderà con un podio che vedrà sul gradino più alto Umberto Scandola, insieme alla sua Hyundai i20, seguito da Fabio Andolfi, attanagliato per tutta la gara da alcuni problemi fisici, staccato di 30.6 secondi.
Gradino più basso del podio composto da Bruno Bulacia, autore di una gara regolare ed in crescendo, staccato di 1’00.1 dalla vetta della classifica.

Rally San Marino che con la sua validità x1.5 ha portato ad un cambiamento nella leadership del campionato CIR portando Fabio Andolfi in testa, seguito a ruota da Giandomenico Basso e Craig Breen.class cir

class cirt

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *