WRC - Andrea Adamo definisce inaccettabile l'affidabilità della i20 dopo un complesso Safari

Dopo il grave guasto alle sospensioni patito al Safari, il boss Hyundai promette soluzioni imminenti

Sembrava filare tutto al meglio durante il difficile Safari Rally in Kenya che si è concluso questo weekend. Thierry Neuville dominava indisturbato le difficili strade africane prima che il suo ammortizzatore posteriore destro esplodesse a quattro tappe dal traguardo.

È il terzo evento consecutivo in cui la pesante fragilità delle sospensioni Hyundai ha compromesso la stagione Hyundai. Ott Tanak è stato martoriato dalle sue sospensioni in Portogallo e in Sardegna, in Kenya è stata la volta del belga. Insomma non se ne esce da questo grave problema che ha ormai fatto alzare definitivamente bandiera bianca la squadra di Alzenau sia sul fronte piloti che in quello costruttori.

Il Team Principal Adamo ha confermato che le vetture Hyundai i20 WRC utilizzano componenti delle sospensioni collaudati, ma dopo il terzo guasto consecutivo, ha ammesso che qualcosa è andato storto e promette soluzioni rapide. Queste le sue parole:

Non possiamo certo essere felici. Questo è il terzo rally consecutivo in cui abbiamo avuto problemi, quindi non può più considerarsi sfortuna. Non ci sono scuse, semplicemente queste cose non dovrebbe accadere. Dobbiamo capire cosa sta succedendo. 

Abbiamo le stesse componenti che usavamo l’anno scorso, altre del 2017. In eventi come Turchia e Sardegna abbiamo migliorato le prestazioni, ma ci manca l’affidabilità e dobbiamo capire il perché. È semplicemente inaccettabile. Le prestazioni della macchina sono aumentate e forse lo stress è diverso, non so, non sono un ingegnere. Dobbiamo trovare soluzioni, al più presto, ma senza panico. Dobbiamo capire cosa c’è di sbagliato!

Ecco i commenti colmi di rammarico a fine gara di Thierry Neuville:

Purtroppo la delusione è grande, non solo per me ma per tutta la squadra ed è un momento difficile per tutti. Tre rally di fila finiti per danni alla sospensione è davvero frustrante.

E’un momento difficile ma devo stare a fianco della squadra. Stiamo tutti lottando duramente e sicuramente cercheremo di trovare una soluzione a questo problema e torneremo più forti e competitivi verso la fine dell’anno.

E’ stato assurdo, mi sentivo a mio agio in macchina e tutto stava funzionando al meglio. 

È stata una grande sorpresa quando l’ammortizzatore si è guastato. Sapevamo che sarebbe stato un evento difficile e penso che fossimo preparati per questo e abbiamo fatto il lavoro che tutti stavano lavorando sodo. 

La motivazione c’è ma manca la fortuna e sono sicuro che torneremo tutti più forti.

Prossimo impegno mondiale in Estonia dal 15 al 18 luglio…..riuscirà Hyundai a rinascere dalla cenere??

foto copertina: austral – hyundai motorsport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *