Sembra un 2021 stregato per Ott Tänak, che però non si dà per vinto

Cambiano gli obiettivi del campione estone che a questo punto giocherà in ottica Costruttori

La classifica parla chiaro e dice, impietosamente, che Ogier ha esattamente il doppio dei punto di Tänak, 148 contro 74. Con 5 gare al termine solo la matematica terrebbe in vita le speranze del pilota estone, ma la matematica non tiene conto della costanza dei risultati del maestro di Gap. Includendo questo fattore alla formula, il risultato non da nessuno scampo.

Ott lo sa bene e, sia per trovare la giusta motivazione sia perché comunque è sotto contratto con Hyundai (un ottimo contratto per altro), dichiara di voler continuare a spingere al massimo, non più per cercare di raddrizzare un campionato ormai perso, ma per aiutare il team nella rincorsa verso il titolo costruttori (un’impresa comunque non facile). Ecco le sue parole a DirtFish:

Certo, per me è difficile. Ma per la squadra dobbiamo continuare a spingere il più possibile. Dobbiamo vedere come si sviluppano le cose in questo momento perché la Toyota è ancora molto lontana, dobbiamo fare quello che possiamo.

Per me diciamo che non mi arrendo e andrò a fare del mio meglio nei prossimi rally, ma per il campionato non c’è niente a cui pensare.

Parole che, tra le righe, suonano come una resa di fronte allo strapotere sia di Ogier che del team Toyota GR. Parole che spaventano gli appassionati di rally perché in questo ultimo Campionato del Mondo Rally in cui le WRC Plus sono ammesse, abbiamo già M-Sport che “fa presenza” ma senza mai reali possibilità di podio, se anche Hyundai dovesse mollare, allora sarebbe veramente un bruttissimo segnale per tutto il movimento.

Credit: DirtFish.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *