Harri Rovanpera, il "gregario" di lusso

Meno appariscente di altri piloti, ha fatto la fortuna dei suoi team

Per chi avesse finito per dimenticarselo, Harri Rovanpera non è solo il padre di Kalle ma è stato un grande nome nell’epoca del boom delle World Rally Car. Veloce ed efficace soprattutto su terra, ha fatto parte della grande scuole finlandese degli anni 2000.

Il suo esordio nei rally è firmato 1993  con una Opel Manta al Rally di Finlandia. Ma le prime vere stagioni a tempo pieno sono quelle 1997 quando, navigato da Silander Voitto Seat, guida la Seat Ibiza GTi 16V con miglior risultato il settimo posto al Rally d’Indonesia. Nel 1998 la stessa versione della Seat diventerà WRC e Harri avrà la possibilità di mettere in mostra le sue doti nonostante una macchina non all’altezza dei rivali dell’epoca. Da questa stagione sarà navigato sempre dallo storico navigatore (anche del figlio) Risto Pietiläinen.

La svolta nel 1999. La stagione è ancora a tempo pieno in Seat ed arriva uno straordinario terzo posto al rally di Gran Bretagna, dopo una serie di buoni piazzamenti. Il progetto Seat si arresta ma Harri replica il podio a bordo di una Toyota Corolla privata nel rally di casa.

Peugeot lo nota e decide di metterlo sotto contratto in un super team composto da Gronholm, Auriol e Panizzi. I primi due per giocarsi il mondiale piloti e gli altri a compensare le doti su asfalto e terra e a portare punti preziosi al team.

Sarà esordio con il botto nella stagione 2001: Harri vince il Rally di Svezia e finisce sul podio all’Acropoli, in Kenya, Nuova Zelanda e Gran Bretagna. Rimarrà la sua miglior stagione nel WRC, chiusa al quinto posto in classifica generale a causa di qualche ritiro di troppo.

Vivrà stagioni di grande regolarità con la 206 prima e la 307 poi, venendo riconosciuto come un passista di grande regolarità a cui manca spesso quell’ultimo salto per fare lo scratch decisivo.

Nel 2005 passa in Mitsubishi sul Lancer Wrc. I suoi compagni sono Panizzi e il nostro Gigi Galli e il miglior risultato sarà il secondo posto nella gara di chiusura della stagione, il Rally di Australia. Chiuderà la sua carriera nel 2006 a bordo della prima difficile esperienza in WRC di Skoda, senza mai impressionare.

L’ultima apparizione dentro una WRC risale invece al Rallylegend 2014 dove Harri ha potuto togliere un po’ di polvere alla sua amata (e mai dimenticata) Peugeot 206 WRC

Rivediamo tutta la carriera di Harri Rovanpera in un video riassuntivo, con alcuni passaggi veramente spettacolari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *