CIR Junior - A tu per tu con Jacopo Trevisani

Intervista esclusiva al pilota lombardo, classe '94, in vista del Roma Capitale

Continuano le nostre interviste esclusive, oggi è il turno di uno dei giovani più interessanti del panorama nazionale, ovvero Jacopo Trevisani, driver lombardo, classe 1994. Nel corso della sua giovane carriera, iniziata nel 2013 con la partecipazione a tre round del Raceday con la piccola 600, può vantare un podio assoluto, conquistato al Rally 1000 Miglia – Nazionale nella 2015, oltre ad una buona esperienza tra CIR, TRT e CIR Junior. Lo scorso anno ha partecipato al Tuscan Rewind, gara valida per il TER, dove ha conquistato un ottimo 11° posto assoluto e primo di 2RM.

Sentiamo adesso le parole di Jacopo, in questa intervista rilasciata in esclusiva….

Ciao Jacopo, innanzi tutto grazie per il prezioso tempo che ci stai dedicando, prima di iniziare la nostra chiacchierata, ci dici chi sei?

Ciao ragazzi, beh Jacopo Trevisani è un ragazzo di Brescia, nato 23 anni fa, appassionato di automobilismo e in particolare modo dei rally….

Facciamo un passo indietro al 2013, stagione del tuo debutto, avvenuto nel Raceday con la piccola Fiat 600. Che ricordi ti porti di questa importante esperienza con la piccola scorpioncina?

L’esordio con la Fiat 600 è stato qualcosa di obbligato, oltre che utile e formativo. Obbligato perchè all’epoca era ancora in vigore il Codice della Strada, dove i neo patentati potevano correre solo con vetture con delle caratteristiche specifiche per i neo patentati, e quindi la scelta di iniziare con la piccola 600 è stata la scelta più logica per prendere confidenza con le prove speciali. Il discorso relativo al Raceday è nato per poter cercare di vincere qualche premio in danaro e per fare qualcosa di diverso rispetto a tutti gli altri ragazzi che iniziano a correre nel nostro mondo, da lì è stato amore puro con lo sterrato e tutte le volte che ne ho la possibilità, torno a correre nel Raceday perché è il campionato più formativo del panorama rallystico nazionale. 

Se ti dico Rally 1000 Miglia – Nazionale 2015, cosa ti viene in mente?

Il primo podio assoluto in carriera è sempre qualcosa di speciale, arrivato poi per giunta nella gara di casa, ha un sapore ancora più particolare. Spero a breve di poter avere l’occasione di fare un’altro podio assoluto; dispiace solo che sia stata l’ultima gara con la bravissima Giulia Cresta, ma sono sicuro che prima o poi ci sarà una nuova occasione di correre assieme.

Sei reduce da un San Marino praticamente perfetto, primo di 2WD, primo del 208 Top e primo di CIR Junior, come hai preparato la gara del Titano?

La mia preparazione alle gare è bene o male sempre la stessa: guardo molti Camera-Car delle prove speciali (se possibile anche di altri su Youtube) per studiare al meglio il percorso e vedere come viene affrontato dagli altri; purtroppo con tre passaggi veri di ricognizione si fa fatica a ricordare il percorso, fortunatamente la tecnologia ci aiuta in questo e l’ultimo passaggio di ricognizione lo filmo con una telecamera e mi riguardo le prove la sera prima di andare a dormire. Dopo di che in gara spero di aver fatto un lavoro il più meticoloso possibile per  poter spingere dal primo passaggio, anche se risulta un pò difficile, molte volte ed infatti i tempi dal primo al secondo passaggio migliorano di molto.

Il prossimo appuntamento, prevede il Rally di Roma Capitale, dove le strade di CIR Junior ed ERC Junior si “uniranno”, quanto sarà interessante questo confronto?

Roma sarà sicuramente una sfida importante, peccato che avremmo due classifiche separate, ma un’occhio al confronto con i tempi dell’ERC Junior lo butteremmo, anche se l’asfalto non è propriamente il terreno su cui riesco ad esprimermi al meglio, sarà interessantissimo anche vedere come riusciremo ad interpretare il percorso con soli due passaggi di ricognizione come fanno nel Mondiale WRC e nell’ERC

Sogni nel cassetto?

Di sogni nel cassetto ce ne sono molti, diciamo che il più grande sarebbe quello di disputare una stagione all’estero, indifferentemente dalla vettura e dal campionato.

Ringraziamenti?

Grazie mille a voi ragazzi per la Vostra disponibilità. Ringrazio tutti i miei sponsor che mi permettono di essere al via della varie gare a cui partecipo, al Team GF Racing che segue la piccola Peugeot 208 R2 con cui corro nel CIR Junior, la scuderia HP Sport che ci supporta in questa avventura, Fabio Grimaldi che mi naviga e i miei genitori che mi seguono nelle gare. 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *