WRC, Monte Carlo: Ott Tanak subito in testa, seguono Ogier e Neuville

Ottima partenza dell'estone, che indovina la scelta delle gomme

E’ finalmente iniziato questo attesissimo Rally di Monte Carlo 2019, tappa inaugurale del campionato del mondo.

Dopo lo shakedown mattutino ad appannaggio di Meeke, gli equipaggi si sono diretti sulle alture per le due p.s. notturne, dove non sono mancati i primi colpi di scena. Il leader provvisorio è Ott Tanak, bravo a sfruttare l’enorme potenziale della Toyota Yaris e anon incappare in errori nei tratti più delicati. Seguono Ogier e Neuville che promettono battaglia fin dalle prime battute di domani.

Ma andiamo ora scoprire le fase salienti di questa serata strabiliante.

SS1 La Bréole – Selonnet – 20.76 km

I ricognitori hanno svolto il loro dovere circa tre ore prima dello svolgimento della prova speciale e per fonire le informazioni più dettagliate possibile hanno dovuto lavorare sodo. Una parte dell’asfalto risultava asciutta e una parte umida, mentre nello split centrale regnava il verglas. Verso la fine ecco la neve compatta, una terribile insidia per tutti!

A segnare il miglior tempo è un indiavolato Ott Tanak. La sua Toyota Yaris Wrc danza lunghe curve insidiossime e precede di ben 5″ il compagno di squadra Kris Meeke. Terzo parziale per Sebastien Ogier, a +10.6 dalla vetta.

Debutto sulla i20 Wrc tutto sommato positivo per Sebastien Loeb, con un quarto tempo assoluto e davanti a Thierry Neuville ed Elfyn Evans. Chiude la top ten Pontus Tidemand.

Da segnalare il ritiro prematuro per uscita di strada di Teemu Suninen con la Fiesta di M-Sport e il crash di Kalle Rovampera. Il finlandesino è stato però leggermente più fortunato, seppur perdendo 12 minuti.

Non troppo soddisfatto il campione in carica Ogier al C.O. di fine stage:

Sicuramente è stata la scelta più prudente montare le gomme chiodate. Nella prossima stage potremmo patire molto perchè pare sia asciutta, ma non ne sono così sicuro.

SS2 Avançon – Notre-Dame-du-Laus – 20.59 km

Prova speciale veloce e molto tecnica per i continui cambi di direzione. Anche l’altitudine varia molto, arrivando fino a 1096m. Tratto cronometrato totalmente asciutto.

Il miglior tempo è stavolta di Thierry Neuville che, a differenza della stage precedente, si trova molto più a suo agio con quattro gomme super soft.

Seguono Sebastien Ogier a +11.0 ed Ott Tanak a +12.5 dal belga. Il pilota della Toyota va dunque a dormire da leader assoluto, in attesa di capire quali saranno le condizioni stradali di domani. Quarto parziale per il compagno di tendone Jari-Matti Latvala, che migliora leggermente rispetto alla p.s. d’apertura.

Quinto Esapekka Lappi che si lamenta della strategia errata di conservare troppo i chiodi, sesto Elfyn Evans. Soltanto ottavo Sebastien Ogier a +44.5 dalla vetta della classifica: la scelta delle gomme non ha giocato a suo favore.

Nono tempo a oltre un minuto Kris Meeke, autore di una foratura.

Non ho idea di come sia successo. Ho dovuto guidare 7 o forse 9 km con una foratura. Onestamente però mi sento bene e sono molto fiducioso per domani.

 

PH: Profilo Twitter Ott Tanak

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *