ERC

Il calendario dell’ ERC 2017 perde un grande e classico evento rallystico. Mancherà infatti il consueto e affascinante appuntamento con il Circuit of Ireland Rally.

A tal proposito è intervenuto Bobby Willis, direttore del Circuit of Ireland Rally, il quale ha affermato che nel 2018 farà di tutto per far rientrare la storica gara nel calendario dell’ERC.

Willis ha poi informato che al posto dell’evento escluso sarà inserito l’International Circuit Challenge a Ballymena, in Irlanda del Nord, in programma nel weekend del 7-8 aprile.

La stagione 2017 presenterà delle grandi novità non solo per il Campionato del Mondo. Anche l’ERC, infatti,  preannuncia parecchi cambiamenti per la prossima stagione, attesa impazientemente da tutti gli appassionati.

Dopo quattro anni dall’ultimo appuntamento continentale, il nostro paese è pronto ad accogliere un nuovo rally valido per il campionato europeo. Se nel 2013 il protagonista fu il Rally di Sanremo, l’anno prossimo toccherà, infatti, al Rally di Roma Capitale.

La stagione europea è finita da appena qualche settimana ma c’è già chi sta lavorando assiduamente a quella che verrà: stiamo parlando di Opel Motorsport la quale ha già annunciato l’ingaggio di uno dei piloti che saranno schierati nel 2017 dall’ADAC Opel Rally Junior Team nel FIA ERC Junior Championship.

E’ calato il sipario anche su questa stagione 2016 dell’ ERC. Dopo la conquista del titolo europeo nel penultimo rally stagionale in Lettonia da parte di Kajetanowicz, la rassegna continentale si apprestava a disputare il Rally di Cipro a “ranghi ridotti” considerando l’assenza dello stesso bi campione europeo e di tanti altri protagonisti.

Il campionato europeo di rally 2016 andrà in archivio questo weekend dopo il CNP ASFALISTIKI Cyprus Rally e, nonostante il titolo di campione già assegnato, ci saranno ugualmente tanti motivi di interesse. In primo luogo, l’aspetto che attrae in questa edizione del Rally di Cipro, è quello economico. Le ultime due speciali della corsa saranno infatti arricchite da un cospicuo montepremi in palio il quale prevede una somma di ben 60.000 € oltre ai restanti 20.000 € che vengono messi a disposizione dei primi sette classificati.

Doveva essere la gara d’esordio del campionato europeo, ma il Rally Liepaja potrebbe essere la corsa decisiva per l’assegnazione del titolo assoluto. Come ricorderete, la manifestazione lettone avrebbe dovuto svolgersi nel mese di febbraio ma il suo rinvio è stato inevitabile a causa delle condizioni meteo “pazze” di quel weekend. E cosi’, al posto di neve e ghiaccio gli equipaggi in gara dovranno vedersela con il fondo sterrato. Il rally partirà nella giornata di venerdì’ 16 settembre con la consueta “Qualifying Stage” per poi divulgarsi con le prove speciali che saranno tredici per un totale di poco più di 200 chilometri cronometrati.

Era il grande favorito prima del via e le aspettative sono state rigorosamente rispettate. Jan Kopecky ha vinto l’edizione 2016 del Barum Czech Rally valevole per il campionato europeo. Per il ceco – che qui è l’idolo dei tifosi- si tratta della quinta vittoria nel suo rally casalingo. Il dato curioso è che il driver della Skoda aveva ottenuto i precedenti successi al Barum solo in anni dispari (2009-2011-2013-2015); in questa edizione è stato quindi sfatato un curioso tabù che rende ancora più speciale il sapore del successo.

La vittoria di Kopecky è stata molto più sudata rispetto a quanto farebbero credere le classifiche finali; il ceco, infatti, è stato in lotta per tutto il rally con Lukyanuk fino a quando il pilota della Fiesta è incappato in un errore andando a sbattere a pochi chilometri dal traguardo. Proprio come in Estonia, quando il russo perse una vittoria già conquistata a causa di un errore nelle battute finali. Come si suol dire, il lupo perde il pelo ma non il vizio…

Questo è uno zero in classifica che pesa più di un macigno per Lukyanuk, se si considera il fatto che Kajetanowicz, il suo diretto rivale per il titolo ERC, non ha marcato punti in questo appuntamento a causa di problemi tecnici alla sua Fiesta R5. Ora si fa incredibilmente dura per il russo ma Alexey ha molto da recriminare a riguardo delle sue condotte di gara.

Continuando a parlare del rally di Zlin, il responso finale ha sancito un dominio totale targato Skoda Motorsport la quale ha piazzato ben cinque vetture nelle prime cinque posizioni. Ad approfittare del ritiro di Lukyanuk è stato Tomas Kostka che in questo modo conquista il terzo podio in questa corsa. Sul gradino più basso del podio c’è un altro pilota locale ovvero Jan Cerny che ha chiuso tuttavia lontanissimo dalla vetta della classifica (ben 2 minuti e 41 secondi). La Top 5 è completata da Pavel Valousek che riesce a prevalere sul debuttante tedesco Fabian Kreim.

In classe ERC2 Giacomo Scattolon ha conquistato la seconda vittoria stagionale sfruttando appieno l’assenza del leader della classifica europea Chuchala. Il pilota nostrano ha letteralmente dominato vincendo 13 speciali su 14, lasciando la restante ps al frustato Tibord Erdi Jr. L’ungherese ha concluso con 13 minuti (!) di distacco.

Molto più combattuto l’ERC Junior con il britannico Chris Ingram che vince e mette una seria ipoteca sul titolo. Con la sua Opel Adam R2, l’inglese ha fatto il pieno anche per quanto concerne l’ERC3. In questa classe, il pilota ufficiale Opel ha chiuso davanti ad un fantastico Luca Rossetti il quale debuttava al volante della Toyota GT 86 CS-R3. Ed effettivamente non poteva esserci esordio migliore per il friulano che si è preso pure la soddisfazione di portarsi a casa quattro scratch.

Per quanto riguarda invece gli altri “big”, la delusione all’interno del team Gemini Clinic era palpabile. Stiamo parlando della scuderia che gestisce la vettura di Bryan Bouffier il quale è stato costretto al ritiro a causa di seri problemi al motore della Citroen DS3 R5. A nulla sono valsi gli sforzi dei meccanici del team ceco. Non sono molto differenti le emozioni nel T&T National Team dove il loro pupillo, Jaromir Tarabus, ha buttato al vento un potenziale podio andando a sbattere nella ps13.

Il prossimo appuntamento per l’ERC è in programma in Lettonia con il Rally Liepaja il 16-18 settembre.

 

Il campionato europeo di rally giunge al suo ottavo e terzultimo appuntamento stagionale. Questo weekend si corre il mitico Barum Czech Rally, in Repubblica Ceca. L’evento è presente nel calendario dell’ ERC da ben trent’anni e mai come quest’anno promette grande spettacolo ed incertezza. Anche in questo 2016 l’evento ceco, che scatterà venerdì mattina con la Qualifying Stage, potrà essere caratterizzato dall’imprevedibilità meteorologica la quale potrebbe rendere ancora più insidioso l’asfalto nei tratti lungo le foreste. In totale le prove speciali saranno 15, una al venerdì, 8 sabato e le restanti 6 nella giornata di domenica.

Nel week end appena concluso si è corso l’ERC in Polonia. Vince il pilota di casa nonché leader del campionato, ma ancora senza vittorie, Kajetan Kajetanowicz a bordo di Ford Fiesta del Lotos Team.